Arrestato a Colonia affiliato del clan Santangelo. Latitante da gennaio, sfuggì a operazione della Polizia di Catania

L’arresto di Carbonaro rientra nel progetto “Eurosearch”, avviato da Europol e dal Servizio Centrale Operativo, finalizzato alla localizzazione e cattura di latitanti mafiosi in ambito europeo

Nella giornata di sabato 12 maggio, a seguito di congiunte indagini, coordinate dalla Procura Distrettuale Antimafia di Catania e condotte dalla Polizia di Stato (Servizio Centrale Operativo, Squadra Mobile di Catania e Commissariato di P.S. di Adrano), con il supporto di Europol, la Polizia tedesca ha localizzato e tratto in arresto a Colonia: Antonino Carbonaro, (classe 1991), detto “Nino ‘u paturnisi”, pregiudicato, destinatario di M.A.E. per i reati di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime, estorsione, con l’aggravante di essere l’associazione armata e di aver commesso il fatto in nome e per conto dell’associazione di tipo mafioso denominata clan Santangelo – alleata della famiglia catanese Santapaola – Ercolano – e al fine di agevolarne le attività illecite.

Antonino Carbonaro è latitante dal gennaio scorso, essendo risultato irreperibile, perché già all’estero, in data 30 gennaio 2018, nell’ambito dell’operazione “Adranos” condotta dalla Squadra Mobile etnea e dal commissariato di Adrano, in esecuzione di ordinanza applicativa di misure cautelari, emessa il 23 gennaio 2018 dal G.I.P. del Tribunale di Catania, nei confronti di 33 persone, ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere di stampo mafioso (clan Santangelo), associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, detenzione e spaccio delle medesime, estorsione, rapina, furto, ed altri reati contro il patrimonio, reati in materia di armi, con l’aggravante di aver commesso il fatto in nome e per conto dell’associazione di tipo mafioso denominata clan Santangelo e al fine di agevolarne le attività illecite.

L’arresto di Carbonaro rientra nel progetto “Eurosearch”, avviato da Europol e dal Servizio Centrale Operativo, finalizzato alla localizzazione e cattura di latitanti mafiosi in ambito europeo.

Nell’ambito del medesimo progetto era già stato tratto in arresto altro latitante adranita: Nicola Amoroso.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo