Catania, cancellazione bando periferie. Erio Buceti: “grave danno per la municipalità”

"In questo contesto la sinergia tra Palazzo degli Elefanti e le sei circoscrizioni cittadine diventa fondamentale"

La decisione del Governo di cancellare il bando delle periferie rappresenta una scelta discutibile che non può non dare adito a un momento di profonda riflessione soprattutto in territori, sempre in bilico tra riscatto e degrado, come la IV municipalità. Così Erio Buceti, presidente della IV municipalità che comprende quartieri come Trappeto Nord, San Nullo e San Giovanni Galermo.

Qui il bando delle periferie può rappresentare quella molla e quella spinta per rivalutare definitivamente i luoghi di aggregazione e socializzazione dei giovani, oltre a varie strutture abbandonante, che possa così consentire alla gente di riappropriarsi del proprio territorio. Il completamento del Parco degli Ulivi e la messa in sicurezza della piazza Beppe Montana sono obiettivi imprescindibili del mio programma di lavoro stilato per i prossimi cinque anni di legislatura. Nonostante questa decisione resto comunque fiducioso nel lavoro di questa amministrazione comunale che con i fatti, e non con le parole, sta dimostrando come le periferie restino in cima alla nostra lista programmatica. In questo contesto la sinergia tra Palazzo degli Elefanti e le sei circoscrizioni cittadine diventa fondamentale. Una collaborazione e un “modus operandi” che sottoporremo pure all’attenzione del Ministro degli Interni Salvini a Catania il prossimo 14 agosto”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo