Zio e nipote in manette a Mineo: sorpresi dai Carabinieri mentre annaffiavano un campo di marijuana

Nell’approfondire l’ispezione dei luoghi, gli operanti, all’interno di un casolare con annesso ovile, hanno rinvenuto circa 7 chili della sostanza stupefacente, già essiccata e pronta per essere dosata e posta in commercio

I Carabinieri della stazione di Mineo e dello Squadrone Eliportato “Cacciatori di Sicilia” hanno arrestato nella flagranza un 43enne e il nipote di 17 anni, entrambi del posto, poiché ritenuti responsabili di coltivazione illecita e detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri sera, durante una delle numerose battute eseguite nelle zone rurali della provincia etnea, i militari hanno sorpreso zio e nipote intenti a irrigare un fondo agricolo di Contrada Nicchiara – agro di Mineo – coltivato a canapa indiana, composto da circa 60 piante.

Nell’approfondire l’ispezione dei luoghi, gli operanti, all’interno di un casolare con annesso ovile, hanno rinvenuto circa 7 Kg della medesima sostanza stupefacente, già essiccata e pronta per essere dosata e posta in commercio.

La droga è stata posta sotto sequestro mentre gli arrestati, assolte le formalità di rito, sono stati associati rispettivamente nel carcere di Caltagirone e al centro di prima accoglienza per minorenni di Catania.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo