Catania, potenziata l’offerta di “ScuolAmbiente” Cutgana. Il progetto prevede anche i tirocini di alternanza scuola-lavoro

Riproposti anche quest’anno i progetti di Educazione ambientale (“Biodiversità: il mondo a colori”; “Biodiversità marina

Un programma ancor più ampio per far scoprire agli studenti di ogni ordine e grado le aree naturali protette siciliane con attività finalizzate ad approfondire le conoscenze relative alla complessità ambientale e alla conservazione degli ambienti naturali.

Lo offre “ScuolAmbiente”, il progetto didattico integrato realizzato dal centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania mirato ad incentivare e organizzare il flusso scolastico verso itinerari educativi integrati che comprendono le aree protette ed i centri di attività gestiti dal centro di ricerca. Un progetto che ogni anno scolastico coinvolge oltre 100 istituti della Sicilia orientale e quasi 50 mila studenti di ogni ordine e grado.

Tra le novità di quest’anno i tirocini nell’ambito del progetto “Alternanza Scuola Lavoro” per studenti degli istituti superiori di secondo grado che potranno approfondire e svolgere attività di gestione del patrimonio naturale grazie alle lezioni frontali in aula e sul “campo” come il monitoraggio ambientale e promozione delle aree protette.

I pacchetti integrati prevedono le visite guidate alle riserve naturali “Isola Bella” di Taormina, “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi” di Aci Trezza, “Complesso Immacolatelle e Micio Conti” di San Gregorio, “Vallone di Piano della Corte” di Agira e alle tre aree protette siracusane “Grotta Monello” di Siracusa, “Complesso speleologico Villasmundo-S. Alfio” e “Grotta Palombara” di Melilli, quest’ultime comprendono anche la visita al Museo del Carsismo Ibleo.

Previste anche le visite al Museo “Diodoro Siculo” di Agira, al Laboratorio naturalistico-ambientale “Natura&Scienza” di Catania e al Museo della Stazione di Biologia marittima dell’Isola Lachea di Aci Trezza. Disponibili per grandi e piccoli anche i Virtual tour di tutte le riserve (in 3D “Grotta Monello” e “Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi”).

Riproposti anche quest’anno i progetti di Educazione ambientale (“Biodiversità: il mondo a colori”; “Biodiversità marina: il Mediterraneo e le sue ricchezze”; “Il Carsismo dei Monti Iblei”; “Fossili di Sicilia: impariamo a conoscerli”; “I Pipistrelli…scopriamo come vivono”; “I Vulcani di Sicilia”; “Inanellamento: attività di scientifica di monitoraggio dell’avifauna”; “A…come acqua”; “Sviluppo sostenibile e alimentazione sostenibile”). Previsti anche il pacchetto “A scuola nelle Riserve: lezioni all’aperto” su diverse tematiche (I licheni; L’albero che vive; Laboratorio didattico “Impariamo la cartografia”; Come realizzare un Erbario) e i “Progetti natura…costruiamo un pianeta sostenibile” con “Lo scrigno verde: un albero per la riserva” e la sesta edizione del concorso “Disegna la tua riserva”.

Il progetto punta a raggiungere l’obiettivo di divulgare le conoscenze scientifiche e del patrimonio naturalistico e culturale antropico locale e di promuovere il rispetto consapevole per l’ambiente attraverso percorsi conoscitivi e formativi integrati.

I pacchetti pedagogici integrati prevedono incontri tematici in classe, visite guidate e percorsi didattici in aree naturali o di interesse demo-etnoantropologico o ambientale formulati per un target differenziato (dagli alunni della scuola Primaria alla Secondaria di secondo grado, universitari e Terza età).


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo