Scoperta piantagione di marijuana ad Adrano: sequestrate oltre 2mila 500 piante. Un arresto

Rinvenuti e sequestrati anche marijuana già essiccata per un peso complessivo di circa 170 grammi, nonché un revolver e munizioni di vario calibro

La Polizia di Stato ha tratto in arresto: Antonio Zaffora (cl. 1981), ritenuto responsabile dei reati di coltivazione, produzione e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente del tipo marijuana nonché detenzione illegale di arma da fuoco. Personale della Squadra Mobile di Catania e del commissariato di Adrano, nell’ambito di attività info-investigativa concernente la crescente diffusione di piantagioni di cannabis, apprendeva che in contrada Cugno di Carcaci, agro di Centuripe (EN), in un appezzamento di terreno, era stata impiantata una coltivazione illegale di marijuana. Alla luce di quanto appreso, il predetto personale, dopo avere esperito preliminari accertamenti, ha avviato una certosina attività di polizia giudiziaria che consentiva di individuare il terreno in cui insisteva la piantagione.

Nel pomeriggio di ieri, gli uomini della Squadra Mobile e del commissariato di Adrano, a esito di un servizio di osservazione, dopo aver notato un individuo intento a irrigare, effettuavano una perquisizione all’interno dell’area che consentiva, con la collaborazione di personale della Squadra Mobile di Enna, di rinvenire e sequestrare 2mila 545 piante di cannabis indica.

Estesa la perquisizione all’interno di un casolare di pertinenza del terreno, venivano rinvenuti e sequestrati sostanza stupefacente del tipo marijuana già essiccata per un peso complessivo di circa 170 grammi, nonché un revolver e munizioni di vario calibro. Espletate le formalità di rito, il predetto è stato associato presso la casa circondariale di Enna a disposizione dell’autorità giudiziaria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo