Catania, l’Esercito interviene in centro storico liberando una donna dal suo aggressore e aiutando un uomo sul tetto di un edificio

I militari, dopo essersi accertati via radio dell'arrivo di una volante della Polizia di Stato, dispiegavano il dispositivo e bloccavano l'uomo il quale, alla vista dei soldati, cercava di darsi alla fuga

Ieri le pattuglie appiedate dell’Esercito, impegnate nel centro storico di Catania in attività di presidio nell’ambito dell’operazione “Strade Sicure”, sono intervenute, in concorso alle Forze dell’Ordine, per prestare soccorso a cittadini in notevole difficoltà.

Nella tarda mattinata la pattuglia in servizio sul corso Indipendenza notava una donna in evidente stato di agitazione che chiedeva aiuto e cercava di divincolarsi dall’uomo che la stava malmenando. I militari, in forza al 62° reggimento fanteria “Sicilia”, dopo essersi accertati via radio dell’arrivo di una volante della Polizia di Stato, dispiegavano il dispositivo e bloccavano l’uomo il quale, alla vista dei soldati, cercava di darsi alla fuga lasciando a terra la donna in lacrime. Giunti contestualmente sul posto gli agenti di Polizia, provvedevano a trarre in arresto l’uomo, il pregiudicato M.G. che veniva condotto al Commissariato “Nesima” per i successivi adempimenti e accusato del reato di stalking nei confronti dell’ex convivente

Nel pomeriggio, in via S. Giuliano, nei pressi del Teatro San Giorgio, i militari venivano allertati dai passanti che avevano notato un uomo, in uno stato manifestamente confusionale, il quale, dopo avere scavalcato il balcone del proprio appartamento, si era arrampicato sul tetto dell’edificio. I militari provvedevano a cinturare l’area agevolando l’intervento  dei Vigili del Fuoco i quali, precedentemente allertati, erano giunti sul posto e riuscivano a trarre in salvo l’uomo consegnandolo al personale sanitario per le successive cure.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo