Catania, deve scontare 2 anni e 4 mesi: ai domiciliari

Deve scontare una condanna definitiva di 2 anni reclusione, con pena accessoria della sospensione della patente, un altro uomo arrestato per omicidio colposo a seguito di incidente stradale

Nella mattinata dello scorso 9 febbraio, personale del Commissariato Librino ha dato esecuzione a un provvedimento di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali di Catania nei confronti di Nunzio La Torre classe 1973.

L’uomo, riconosciuto colpevole in via definitiva per il reato di furto aggravato in concorso, commesso a Catania il 2/5/2017, ha riportato una condanna pari a 2 anni e 4 mesi di reclusione, per la quale si trovava già ristretto ai domiciliari.

Ammesso alla misura alternativa della detenzione domiciliare dal locale Tribunale di Sorveglianza, La Torre sconterà il residuo della pena nella propria abitazione fino al prossimo febbraio 2020, così come da provvedimento notificatogli dagli agenti del Commissariato Librino.

Nella stessa mattinata, è stato eseguito altro provvedimento di detenzione domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali di Catania a seguito di ordinanza del Tribunale di Sorveglianza di Catania, nei confronti di Salvatore Zingarino, classe 1973, pregiudicato per diversi reati, riconosciuto colpevole di omicidio colposo a seguito di incidente stradale, commesso a Catania in data 5/5/2007, per il quale ha riportato una condanna definitiva pari a 2 anni di reclusione, con pena accessoria della sospensione della patente per anni 2.

L’uomo è stato rintracciato dagli uomini del Commissariato Librino e, dopo le incombenze di rito, accompagnato nella propria abitazione dove rimarrà ristretto in regime di detenzione domiciliare per il residuo di pena da scontare.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo