Misterbianco, “Né mia né di nessuno”: minaccia di morte la moglie dopo la fine del matrimonio: arrestato

La decisione della donna di interrompere la convivenza dopo 26 anni di matrimonio, a causa del carattere prevaricatore e violento del coniuge, ha generato nell’uomo un senso di frustrazione

La Procura Distrettuale della Repubblica, nell’ambito di indagini a carico di R. C. di 49 anni, indagato per atti persecutori commessi in danno dell’ex moglie di 47 anni, ha richiesto e ottenuto la misura cautelare agli arresti domiciliari eseguita dai Carabinieri della tenenza di Misterbianco.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati qualificati sui reati che riguardano la violenza di genere, hanno evidenziato come l’indagato dopo la fine del matrimonio, avvenuta nel 2016, abbia continuato fino a oggi la sua azione vessatoria che ha compromesso la qualità della vita della persona offesa.

La decisione della donna di interrompere la convivenza dopo 26 anni di matrimonio, a causa del carattere prevaricatore e violento del coniuge, ha generato nell’uomo un senso di frustrazione tramutatosi in comportamenti intrusivi e assillanti tali da costituire molestie attraverso frasi dal carattere minaccioso quali “se ti vedo con qualcuno ti ammazzo a te e l’altro… se non sei con me sei morta… né mia né di nessuno” riferite anche ai figli maggiorenni della coppia ai quali ribadiva che se la madre avesse frequentato altre persone lui l’avrebbe ammazzata.

Persecuzione manifestata tramite telefonate ricorrenti (la donna ha dovuto cambiare anche il numero di telefono) appostamenti e pedinamenti, che hanno generato nella poveretta un disagio psicofisico tanto da farle temere per la propria incolumità e impedito di relazionarsi in modo naturale con il mondo esterno.

Circostanze che l’hanno indotta a denunciare l’ex ai Carabinieri i quali, configurando un quadro probatorio a carico dell’indagato, non hanno lasciato alcun dubbio al giudice che, accogliendo la richiesta del magistrato titolare dell’indagine, ha emesso la misura restrittiva.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo