Riposto, Anthony Barbagallo (Pd) chiede l’intervento del governo per la riapertura del cinema Musmeci

Il deputato chiede quali siano le iniziative che il governo regionale intende varare per dare continuità alla tradizione culturale rappresentata dal cinema

Rassegnarsi ala definitiva chiusura del cinema Musmeci di Riposto significa accettare passivamente di perdere un pezzo della storia culturale ed intellettuale della cittadina etnea. Una vicenda grave come l’indifferenza che ha accompagnato la fine delle programmazioni in una sala cinematografica storica”. Anthony Barbagallo parlamentare regionale del PD chiede attraverso un‘interrogazione quali siano le iniziative che il governo regionale intende varare per dare continuità alla tradizione culturale rappresentata dal cinema.

“Sarà necessario – aggiunge Barbagallo – valutare la legittimità delle procedure messe in pratica dal Comune di Riposto che, andando contro l’interesse pubblico alla conservazione di un luogo per la fruizione di spettacoli culturali, non ha impedito la chiusura della storica sede del Cinema Musmeci. Vero è che la profonda crisi del settore ha messo in gravi difficoltà finanziarie la ditta privata che gestiva il cinema costretta ad accumulare un ingente debito nei confronti del Comune di Riposto, proprietario dell’immobile, ma nulla può giustificare il rifiuto della proposta di rateizzazione del debito da parte dell’Ente tanto da costringere la società a gettare la spugna e chiudere i battenti. Mi auguro che il governo regionale vigili sulla celere procedura per la pubblicazione del nuovo bando di gestione che consenta la riapertura cinema Musmeci”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo