Riposto, cinema Musmeci: l’assessore Copani risponde a Barbagallo

"Il parlamentare evidentemente non è stato messo al corrente dalla frangia del Pd ripostese, dei vari step procedurali volti a salvaguardare la struttura"

In riferimento a quanto riportato da alcuni organi di informazione in relazione alla chiusura del cinema Musmeci di Riposto, per la quale è intervenuto il deputato regionale Anthony Barbagallo, l’assessore alla Cultura del Comune di Riposto, Carlo Copani ritiene opportuno precisare, ai fini di una corretta informazione, che “l’amministrazione comunale ha intrapreso iniziative pienamente legittime che smentiscono le asserzioni di Barbagallo che invece allude a presunte illegittimità procedurali messe in pratica dall’amministrazione. Il parlamentare evidentemente non è stato messo al corrente dalla frangia del Pd ripostese, dei vari step procedurali volti a salvaguardare la struttura in quanto centro aggregazione sociale e nel contempo assecondando, fino a quando è stato possibile, le esigenze dei gestori cui è stato concesso un piano di rateizzazione del credito maturato negli anni, oltre a tempo e fiducia. I gestori, peraltro, negli ultimi anni, con l’ingresso nel circuito delle prime visioni, hanno trascurato l’aspetto sociale, privilegiando invece quello meramente commerciale. In questo quadro – osserva l’assessore Copani – sono scomparse del tutto quelle iniziative socio culturali come i cineforum e gli incontri con le scuole, che un tempo assicuravano alla collettività indiscussa crescita. A seguito della cristallizzazione del credito, con la prospettiva di una ulteriore lievitazione delle somme dovute, l’amministrazione ha inteso intervenire e, nell’interesse esclusivo dei cittadini, ha rescisso il contratto. Immediatamente nell’ottica sempre di tutelare l’interesse pubblico, ha avviato la procedura della manifestazione di interesse, con l’obiettivo di sondare la disponibilità di eventuali soggetti interessati alla valorizzazione della struttura di via Gramsci. Nei giorni scorsi, scaduti I termini della predetta procedura, ben sette distinti soggetti hanno aderito. Rassicuriamo, pertanto, il deputato regionale Barbagallo che è nostra intenzione procedere quanto prima alla pubblicazione di un bando che consegnerà ai ripostesi una rinnovata ed efficiente realtà socio culturale”.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo