Catania, stupro di gruppo: restano in carcere i tre giovani indagati

Il Tribunale del riesame di Catania, presieduto da Sebastiano Mignemi, ha confermato l'ordinanza di custodia cautelare

Il Tribunale del riesame di Catania, presieduto da Sebastiano Mignemi, ha confermato l’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei tre giovani arrestati per violenza sessuale su una 19enne statunitense. I giudici hanno così respinto l’istanza avanzata dai legali degli indagati, che avevano sollecitato l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip segnalando alcune presunte “contraddizioni” nell’inchiesta. Le motivazioni saranno rese note entro 45 giorni.

La Procura di Catania ha richiesto al Gip Simona Ragazzi un incidente probatorio con la deposizione della diciannovenne statunitense, assistita dall’avvocato Mirella Viscuso, che dovrebbe nei prossimi mesi tornare appositamente in Italia.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo