Catania, rubano uno scooter ma era appena stato rubato e abbandonato. Inseguiti dalla Polizia, lo riabbandonano

Lo scooter che avevano spinto, per poi abbandonarlo al centro della strada, presentava il bloccasterzo rotto ed era stato rubato da via Vittorio Emanuele, dove era stato posteggiato dal proprietario

Nel pomeriggio di ieri, agenti delle Volanti hanno arrestato i pregiudicati Cristofaro Angelo Pino (classe ’96) e Alessio Marco Gigante (classe ’86), responsabili del reato di furto aggravato in concorso.

Intorno alle 14,25 di ieri, una pattuglia delle motovolanti, immettendosi da via Naumachia in via Santa Maria dell’Aiuto, ha notato due centauri che, a velocità sostenuta, procedevano a bordo di due scooter, in direzione di via Plebiscito.

Avvicinatisi ai due mezzi, gli agenti hanno constatato l’ormai consueto modus operandi con cui vengono spesso trafugati i motocicli: un giovane, a bordo di un Honda SH, spingeva, un altro motoveicolo appoggiando il piede al parafango del mezzo, condotto da un complice.

Benché i poliziotti avessero loro intimato di fermarsi, i due hanno tentato la fuga, abbandonando il mezzo rubato e cercando di allontanarsi sullo scooter “di spinta”. I poliziotti, però, non si sono lasciati sorprendere e hanno istantaneamente bloccato Pino e Gigante, appurando anche che lo scooter che avevano sin lì spinto, per poi abbandonarlo al centro della strada, presentava il bloccasterzo rotto ed era stato rubato da via Vittorio Emanuele, dove era stato posteggiato dal proprietario.

Il ciclomotore è stato restituito al legittimo proprietario; Pino e Gigante, per disposizione dell’autorità giudiziaria procedente, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa del giudizio direttissimo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo