Catania, Gal Etna Sud: opportunità di finanziamento per imprese e start up

Entra nel vivo l’azione programmatica del Gal Etna Sud, gruppo d’azione locale che annovera nel partenariato pubblico i comuni di Mascalucia, Camporotondo Etneo, San Giovanni La Punta, San Pietro Clarenza e Tremestieri Etneo

Entra nel vivo l’azione programmatica del Gal Etna Sud, gruppo d’azione locale che annovera nel partenariato pubblico i comuni di Mascalucia, Camporotondo Etneo, San Giovanni La Punta, San Pietro Clarenza e Tremestieri Etneo. Oggi, nella sala consiliare del comune di Mascalucia, ha avuto luogo una conferenza stampa indetta dagli amministratori dei predetti comuni al fine di delineare le bozze dei bandi del gruppo d’azione locale che mira ad un esponenziale sviluppo dell’area rurale, mediante la gestione di contributi finanziari erogati dall’Unione europea e dal Fondo europeo agricolo di orientamento e di garanzia a favore dei soggetti che intendono avviare attività imprenditoriali nel territorio.

Ad aprire i lavori il Sindaco di Mascalucia, nonché Presidente del Gal Etna Sud, Vincenzo Magra che ha sottolineato la valenza dell’attività del Gal Etna sud quale “canale di sviluppo innovativo in grado di promuovere la crescita del territorio con ricadute occupazionali favorevoli per coloro i quali intendono avviare un progetto imprenditoriale”. Dello stesso avviso anche Filippo Privitera (sindaco di Camporotondo Etneo), Antonino Bellia (sindaco di San Giovanni La Punta), Giuseppe Bandieramonte (sindaco di San Pietro Clarenza) e Michelangelo Costantino (assessore al Territorio del comune di Tremestieri Etneo in rappresentanza del sindaco Santi Rando), che hanno palesato con convinzione la volontà di agire sinergicamente per perorare la progettualità di sviluppo del territorio.

Di carattere tecnico l’intervento dell’Ingegnere Nino Paternò, coordinatore del Gal, che ha illustrato ai presenti le bozze dei primi 4 bandi rivolti ai privati. Tra questi l’“Azione2.4” che prevede una dotazione di 600mila euro per sostenere le startup, con un contributo a fondo perduto da 15mila a 20mila euro per ogni singolo progetto. Rivolto alle attività di B&B e turistiche, invece,  l’“Azione 1.5” finalizzata a sovvenzionare al 75% progetti per un valore complessivo di 100mila euro a fronte di una dotazione finanziaria di 565mila 500 euro. Terzo progetto illustrato l’“Azione 1.4”, a sostegno di  progetti agrituristici ed investimenti nel campo delle tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni con una contribuzione del 45% su una dotazione finanziaria di 301mila 205 euro. Completa il quadro l’“Azione 2.3”, rivolta agli investimenti nell’ambito delle energie rinnovabili con una contribuzione al 75% su una dotazione complessiva di 375mila euro.

In chiusura di conferenza, infine, è stato reso noto il cronoprogramma di incontri aperti alla cittadinanza in cui verranno esplicate nel dettaglio le attività del Gal Etna Sud. Il primo degli appuntamenti avrà luogo il 21 maggio alle 18 nella sala consiliare del comune di Mascalucia. A seguire, sempre alle 18 nelle rispettive sale consiliari, il 29 maggio a San Giovanni La Punta, il 4 giugno a San Pietro Clarenza, il 6 giugno a Tremestieri Etneo e l’11 a Camporotondo Etneo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo