Gravina di Catania, sabato esercitazione per la gestione delle emergenze e Protezione civile

L'esercitazione è finalizzata alla verifica della procedura di esodo della struttura sanitaria in occasione di eventi calamitosi di varia origine e intensità

Sabato 22 giugno dalle 8 alle 12 si terrà una simulazione di gestione delle emergenze e protezione civile organizzata dalla Casa di Cura Musumeci in collaborazione con il Comune di Gravina di Catania e i volontari di Protezione civile.

L’esercitazione – che si svolgerà all’interno dello spazio sanitario della Casa di Cura a Gravina di Catania – è finalizzata alla verifica della procedura di esodo della stessa struttura sanitaria in occasione di eventi calamitosi di varia origine e intensità. In particolare sarà testata la capacità interna della struttura di procedere autonomamente nelle fasi iniziali dell’evento calamitoso e con proprio personale addestrato, alla messa in sicurezza dei pazienti e al collocamento degli stessi nelle aree di sosta previste dal piano di gestione delle emergenze della struttura.

Il Comune sarà presente come attore istituzionale a testimoniare la collaborazione con una realtà sanitaria importante del territorio – ha commentato il sindaco Massimiliano Giammusso – una sinergia che diviene fondamentale nei casi di calamità naturale, eventi devono essere gestiti tempestivamente con l’obiettivo di garantire adeguata assistenza e soccorso alla popolazione”.

Il Consiglio di amministrazione e la direzione della casa di cura Musumeci – afferma l’ing. Salvatore Pulvirenti, safety manager della strutura – ritiene fondamentale periodicamente organizzare questo tipo di simulazioni per verificare che tutto funzioni correttamente e il personale sia pronto e coordinato anche con le strutture di protezione civile ufficiali in caso di necessità”.

Durante l’esercitazione verrà montato un P.M.A. (Posto Medico Avanzato) completo di presidi sanitari di Primo Soccorso e di Personale Sanitario esterno. Successivamente arriveranno delle squadre di soccorso con le ambulanze che recupereranno i “figuranti” (Volontari truccati da feriti per varie tipologie di traumi) e li trasferiranno nel P.M.A. (Posto Medico Avanzato). In seconda fase interverranno le Strutture di Protezione Civile ufficiali. E’ prevista la partecipazione di un gruppo cinofilo per l’individuazione dei feriti.

Parteciperanno le ambulanze della Misericordia di Catania (Via Etnea, Ognina, San Leone, Porto, Santa Croce), Gravina, Pedara, Adrano, San Giovanni La Punta, Nicolosi, Belpasso;  Misterbianco; la Croce Rossa di Viagrande; i Gruppi Logistici: Adrano; Cinofili; VV. F.; Gruppo Truccatori Ognina; P.M.A. Misericordia Pedara.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo