Gravina di Catania, adottata la Carta dei diritti della bambina

La Carta si propone come premessa fondamentale per l'affermazione e la tutela dei diritti delle donne fin dalla nascita

La Sala consiliare “Peppino Impastato” ha ospitato ieri (20 giugno 2019) la presentazione della “Carta dei diritti della bambina”. L’evento – patrocinato dal Comune di Gravina di Catania – è stato organizzato dalla Fidapa sezione Gravina e Paesi etnei. L’amministrazione comunale ha adottato il documento che rappresenta uno strumento finalizzato alla lettura “di genere” dei diritti sanciti dalla Convenzione Onu dei diritti dell’infanzia del 1989.

La Carta si propone come premessa fondamentale per l’affermazione e la tutela dei diritti delle donne fin dalla nascita. La bambina deve essere aiutata, protetta fin dalla nascita e formata in modo che possa crescere nella piena consapevolezza dei suoi diritti e dei suoi doveri contro ogni forma di discriminazione. All’iniziativa hanno partecipato il sindaco Massimiliano Giammusso e l’assessore alle Pari opportunità Patrizia Costa. Sono intervenuti in qualità di relatori – moderati da Luisa Leonardi, presidente Fidapa sez. Gravina e Paesi Etnei – Gabriella Buffardeci, referente Fidapa sez Gravina e Paesi etnei; Francesca Sindoni, referente Fidapa distretto Sicilia; Carmela Blanco docente di diritto; Matteo Licari, docente di sociologia dei gruppi; Fiammetta Altadonna, volontaria Amici delle Missioni Sicilia. La conclusione dell’evento è stata affidata alla performance di danza persiana a cura di Grazia Cernuto.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo