Catania, tentano furto di cavi al palazzetto dello sport: due in manette

I due avevano tranciato alcuni cavi elettrici della struttura e ne avevano già ammatassato 15 per un totale di circa 500 kg

Immagine di repertorio

Nella nottata odierna la Polizia di Stato con personale delle Volanti ha tratto in arresto per i reati di tentato furto aggravato e danneggiamento aggravato in concorso due pluripregiudicati per reati specifici, Massimo Cavallaro, classe 1974, e Giuseppe Di Stefano, classe 1980.

Nello specifico, le Volanti venivano inviate dalla locale sala operativa al palazzetto dello sport di corso Indipendenza, al cui interno erano state segnalate alcune persone incappucciate. Non appena giunti sul posto, gli operatori, scavalcata la recinzione, avvertivano dei rumori provenire da dietro alcuni cespugli collocati nelle vicinanze dei quadri elettrici della struttura.

Insospettiti da tali rumori, si avvicinavano ai cespugli, dai quali improvvisamente uscivano tre soggetti che si davano alla fuga, tentando di fare perdere le proprie tracce nel buio della notte.

Due dei malfattori venivano bloccati e condotti in questura per gli adempimenti di rito. Veniva appurato che gli stessi, utilizzando arnesi atti allo scasso e al trancio, rinvenuti sul posto e sequestrati, avevano tranciato alcuni cavi elettrici della struttura e ne avevano già ammatassato quindici per un totale di circa 500 kg.

Sul posto veniva fatto intervenire personale della Polizia Scientifica, nonché personale Enel e il custode della struttura per la constatazione dei danni.

Su disposizione del Pm di turno i due arrestati venivano associati presso le locali camere di sicurezza in attesa dell’udienza di convalida prevista per la mattinata odierna.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo