Catania, donne con la pagaia dopo l’intervento al seno: 2 equipaggi rosa ai campionati di DragonBoat

L’utilità del Dragon Boat è stata scoperta 20 anni fa da un medico canadese e ora è diventata anche uno strumento per sensibilizzare sulla malattia

L’ultimo progetto messo in campo dall’associazione “Il filo della vita” composta da oltre 450 donne é quello del “Dragonboat rosa”. Il progetto nasce dalla collaborazione con Fabrizio Messina del Circolo Canoa Catania. La presidente Enza Marchica e il direttivo dell’associazione hanno creduto subito nel progetto e hanno colto al volo l’opportunitá per le socie coinvolgendole con un forte entusiasmo.

La guarigione di una donna operata al seno – precisa la Presidente Enza Marchica – passa anche attraverso il miglioramento dello stile di vita e lo sport é di grande aiuto per prevenire e affrontare meglio il tumore al seno. Per questo voglio ringraziare Fabrizio Messina e le volontarie che lo collaborano Tiziana Marletta e Beatrice Gilozzo, tutti tecnici della Federazione Italiana Dragon Boat, che donano il loro tempo alla nostra associazione”.

L’utilità del Dragonboat  è stata scoperta 20 anni fa da un medico canadese e ora è diventata anche uno strumento per sensibilizzare sulla malattia.

Come hanno dimostrato gli studi del dottor McKenzie, così si chiama il medico canadese, non è vero che dopo l’intervento bisogna tenere a riposo gli arti superiori per evitare il linfedema (l’accumulo di liquidi linfatici nel braccio dovuto all’asportazione dei linfonodi ascellari). Anzi: il movimento praticato con la pagaia svolge una sorta di linfodrenaggio naturale che previene questo possibile effetto collaterale dell’operazione.

La prevenzione del linfedema non è il solo beneficio del dragonboat. Il gioco di squadra e il contatto con il mare aiutano a ritrovare il sorriso e a riprendersi meglio dall’intervento.

Il Dragonboat rosa é un equipaggio di una ventina di donne in rosa, con pagaia monopala, un capitano che a prua detta il tempo, e il timoniere. Poiché necessita di una pagaia monopala, questo tipo di imbarcazione si addice alle donne operate al seno che hanno subito lo svuotamento del cavo ascellare – dunque soggette all’effetto collaterale del linfedema – in quanto consente di effettuare una costante azione di linfodrenaggio e di utile riabilitazione al braccio operato.

Siamo già riuscite a formare due equipaggi in rosa per andare a ottobre ai campionati nazionali – prosegue la Presidente Enza Marchica – un gruppo che diventa pian piano una squadra fatta di donne forti e coraggiose. Un modo per celebrare l’amore per la vita, il bene più prezioso. Perché l’aggregazione é vittoria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo