Acireale, rapinavano istituti di crdito e negozi: banda di criminali in manette

Il gruppo di malviventi aveva creato notevole scompiglio e preoccupazione tra i commercianti acesi, sia per la rapida successione delle rapine, sia per la ferocia

Su delega della Procura della Repubblica di Catania, alle prime ore del mattino, i Carabinieri della Compagnia di Acireale hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Catania nei confronti di 5 soggetti, indagati, a vario titolo, per i reati di rapina aggravata in concorso e ricettazione.

Il provvedimento trae origine da un’indagine, denominata “Ghibli”, condotta dai militari della Compagnia di Acireale nei mesi di maggio, giugno e luglio 2018, effettuata mediante attività tecniche di intercettazioni ambientali e telefoniche, corroborate da accertamenti dinamici effettuati dagli investigatori dell’Arma.

Nel corso delle indagini è stato possibile accertare la responsabilità degli indagati in relazione alla commissione di 6 rapine, di cui 1 tentata, effettuate ai danni di uffici postali, farmacie, distributori di benzina e supermercati ubicati nei Comuni di Acireale, Aci Catena, Viagrande e San Giovanni La Punta.

Il gruppo criminale operava eseguendo, in maniera rigorosa, un efficace modus operandi: dopo i sopralluoghi effettuati per vagliare l’obiettivo e le vie di fuga, i malviventi rubavano le autovetture necessarie per effettuare le rapine, che venivano immediatamente abbandonate dopo la consumazione del reato.

I ruoli degli indagati venivano ben definiti prima dell’esecuzione di ogni singolo reato: vi era infatti chi si occupava di rubare le autovetture, chi effettuava i sopralluoghi, chi svolgeva il ruolo di “palo”, chi guidava i mezzi e chi, materialmente, faceva irruzione – sempre travisato da passamontagna o da casco c.d. integrale – all’interno degli esercizi individuati come obiettivi.

Il gruppo di malviventi aveva creato notevole scompiglio e preoccupazione  tra i commercianti acesi, sia per la rapida successione delle rapine – tutte effettuate nell’arco di poche settimane –, sia per la ferocia e l’efficacia con la quale le stesse venivano perpetrate.

Gli indagati, al termine delle formalità di rito, sono stati tradotti nella Casa Circondariale di Catania “Piazza Lanza” a disposizione dell’autorità giudiziaria etnea.

Gli arrestati:

  1. Giuseppe Rosario Marino cl.1982 (già detenuto carcere Catania Piazza Lanza)
  2. Davide Copercini cl. 1985
  3. Letterio Danilo Cannavò cl. 1984
  4. Giuseppe Cannavò cl. 1995
  5. Giuseppe Sebastiano Pagano cl. 1977


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo