Catania, tenta di uccidere la moglie e poi la accompagna in ospedale. Arrestato

La vittima è riuscita a difendersi rimanendo ferita alla mano destra. E' stato lo stesso aggressore ad accompagnarla in ospedale, rimanendo in sala d'attesa

Ha picchiato la moglie e poi l’ha accompagnata in ospedale. Manette per un uomo violento di Catania che dopo essersi introdotto in casa della moglie ha forzato una porta-finestra e, raggiunta la camera da letto nella quale la donna riposava con la propria figlioletta di diciannove mesi, l’ha aggredita tirandole i capelli e l’ha minacciata. Poi l’ha trascinata in cucina e dopo avere afferrato un coltello, brandendolo all’altezza del viso, ha cercato di colpirla.

La vittima è riuscita a difendersi rimanendo ferita alla mano destra. E’ stato lo stesso aggressore ad accompagnarla in ospedale, rimanendo in sala d’attesa: lasciato l’ospedale la vittima è andata in questura per formalizzare la denuncia. Poco dopo gli agenti lo hanno arrestato in quanto recidivo: già in passato era stato autore di episodi analoghi ed era stata anche sporta una denuncia per maltrattamenti in famiglia, nonché per minacce e stalking. L’accusa questa volta è stata di tentato omicidio e, su disposizione del Pm di turno, è stato rinchiuso nel carcere di piazza Lanza in attesa dell’udienza di convalida innanzi al Gip. Sul luogo dell’aggressione gli agenti delle Volanti hanno trovato il coltello sporco di sangue.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo