Aci Sant’Antonio, una vera e propria serra con piante di marijuana: denunciato un 32enne

Da una verifica con personale specializzato Enel, si accertava che l’energia elettrica utilizzata per tale scopo era di provenienza furtiva poiché allacciato direttamente alla presa Enel a monte del contatore

Nei giorni scorsi, su disposizione del Questore Alberto Francini, personale del commissariato di Acireale, ha svolto dei mirati servizi per il contrasto dei reati in materia di stupefacenti nei Comuni dell’hinterland Acese.

Nello specifico, ieri mattina, personale della Sezione Investigativa del commissariato, da attività investigativa apprendeva che un pregiudicato abitante nel Comune di Aci S. Antonio, deteneva in casa una coltivazione di marijuana. Gli agenti entrati presso quel domicilio, nel corso della perquisizione rinvenivano in una stanza, allestita con lampade alogene, porta lampade riflettenti, interruttori magnetotermici e temporizzatori, una vera e propria serra con tre piante di “marijuana” ancora in vaso e una già estirpata in fase di essicazione.

Inoltre, da una verifica con personale specializzato Enel, si accertava che l’energia elettrica utilizzata per tale scopo era di provenienza furtiva poiché allacciato direttamente alla presa Enel a monte del contatore.

L’uomo identificato in S.M di anni 32, veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria, in stato di libertà, per i reati di coltivazione di sostanze stupefacenti nonché di furto aggravato. Nella medesima circostanza, gli agenti scoprivano, nella casa terrana attigua utilizzata dallo zio del reo, un ulteriore furto di energia elettrica posta in essere dal pluripregiudicato S.O. di anni 59. Anche per quest’ultimo, scattava la denuncia in stato di libertà per il reato di furto di energia elettrica.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo