Catania, migranti morti in mare: la Procura apre un’inchiesta. Trasferimento in altre regioni per 800 stranieri

Da una prima analisi necroscopica pare sia esclusa la morte violenta. La procura di Catania ha aperto un'inchiesta delegando le indagini alla Squadra mobile

I cadaveri dei due migranti giunti a Catania sulla nave della Guardia costiera “Diciotti” sono di una giovane donna e di un giovane uomo. Le salme sono state portate nell’obitorio dell’ospedale Cannizzaro a disposizione del medico legale.

Da una prima analisi necroscopica pare sia esclusa la morte violenta. La procura di Catania ha aperto un’inchiesta delegando le indagini alla Squadra mobile.

Dalla questura, inoltre, fanno sapere che circa 800 dei 936 migranti arrivati a Catania saranno trasferiti, invece, in altre regioni italiane. Gli altri resteranno in Sicilia.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo