Catania, coltiva marijuana in casa. In manette un giovane a San Giovanni Galermo

Con l’ausilio di personale Enel, inoltre, si accertava l’abusivo allaccio del contatore per la fornitura dell’energia elettrica alla rete pubblica

Immagine di repertorio

Ieri, la Polizia di Stato ha arrestato il 20enne catanese Domenico Caudullo per coltivazione di sostanze stupefacenti e furto di energia elettrica.

In particolare, agenti delle volanti dell’Upgsp, durante il controllo del territorio, venivano attirati dall’abbaiare insistente di due cani dinanzi a una villetta sita nel rione San Giovanni Galermo; quindi, decidevano di effettuare un controllo esterno della stessa. Durante il controllo notavano la presenza di diverse piante di marijuana e quindi, in presenza del proprietario di casa, effettuavano un’approfondita perquisizione domiciliare, a seguito della quale rinvenivano 18 piante di sostanza stupefacente del tipo marijuana dell’altezza di 1,6 metri, 2 lampade ad alto voltaggio e un sofisticato sistema di areazione.

Con l’ausilio di personale Enel, inoltre, si accertava l’abusivo allaccio del contatore per la fornitura dell’energia elettrica alla rete pubblica.

Pertanto, Caudullo veniva tratto in arresto e, su disposizione del Pm di turno, sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del giudizio per direttissima.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo