Incendio lungo i binari sulla Catania-Messina: ritardi e disservizi. Il Comitato pendolari siciliani chiede interventi urgenti

La regolare circolazione è ripresa alle 14.45 sulla linea Messina - Catania, sospesa alle 12.20 tra le stazioni di Taormina e Letojanni per l'incendio lungo i binari

Ritardi imprecisati sulla Catania-Messina per diversi incendi lungo l’asse ferroviario Catania-Messina.

Se qualche giorno fa si parlava di binari roventi tra Catania e Palermo per le alte temperature, ieri si è parlato di binari in “fiamme” sulla Catania – Messina per degli incendi all’interno dell’area recintata del sedime ferroviario a Fiumefreddo di Sicilia, Alcantara e in altre località verso tra le 11 e le 12 circa.

Disagi e disservizi assicurati, ritardi imprecisati, annunci in stazione in lingua italiana con o sbigottimento di alcuni stranieri.

La storia si ripete ogni estate – afferma il Comitato pendolari siciliani in una nota -. La questione è capire se gli incendi divampano dall’interno del sedime ferroviario per i mancati interventi di pulitura del gestore dell’infrastruttura o se provengono dai terreni limitrofi alla recinzione del sedime ferroviario e comunque chiediamo di intervenire sul gestore chiedendo di attenzionare maggiormente il sedime ferroviario per evitare che rovi, arbusti possano creare problemi alla circolazione essendo all’interno della recinzione stessa, così come è accaduto oggi a Fiumefreddo di Sicilia o in altre parti. Le interruzioni alla circolazione ferroviaria per problemi all’infrastruttura o per fatti esterni e ambientali ci possano anche stare, quello che invece non condividiamo sono queste interruzioni alla circolazione ferroviaria che danneggiano sia il gestore del trasporto, in questo caso Trenitalia Spa, sia gli utenti e i pendolari, tenuto conto che a pagare il servizio è la Regione Siciliana e che anche in questi casi dovranno essere previste delle penali. Chiediamo all’assessore regionale ai Trasporti, Marco Falcone, prontamente informato dell’accaduto odierno di intervenire presso Rete Ferroviaria italiana per fare chiarezza su questi frequenti inconvenienti, magari rivendendo quell’accordo quadro sottoscritto a luglio 2017 tra la Regione Siciliana e Rete Ferroviaria Italiana”.

Questi i ritardi al momento della riapertura della linea Messina-Catania-Siracusa:
Treno regionale 12821 delle ore 12.20 arrivato a Catania con 98 minuti
Treno regionale 26613 delle ore 12.28 Taormina a Catania cancellato (treno*km 47)
Treno regionale veloce 3855 delle ore 13.18 arrivato a Siracusa con 41 minuti
Treno regionale 12831 delle ore 13.35 arrivato a Catania con 33 minuti
Treno regionale 12875 delle ore 14.15 Messina a Catania cancellato (treno*km 95)
Treno regionale 12877 delle ore 14.35 arrivato a Catania con 36 minuti
Treno regionale 26597 delle ore 16.30 Giarre a Catania cancellato (treno*km 30)

Questi i ritardi al momento della riapertura della linea Siracusa-Catania-Messina:
Treno regionale 12874 delle ore 12.20 arrivato a Messina con 111 minuti
Treno regionale 12876 delle ore 13.23 Catania a Messina cancellato (treno*km 95)
Treno regionale 26634 delle ore 12.45 arrivato a Taormina con 37 minuti
Treno regionale veloce 3856 delle ore 12.53 arrivato a Messina con 79 minuti
Treno regionale 12880 delle ore 14.16 arrivato a Messina con 88 minuti
Treno regionale 26574 delle ore 14.40 Catania a Giarre cancellato (treno*km 30)
Treno regionale veloce 3858 delle ore 14.15 arrivato a Messina con 33 minuti
Treno regionale 12830 delle ore 15.37 arrivato a Messina viaggia con 21 minuti

Questo il bilancio dei ritardi e dei treno*km soppressi:
Ritardo complessivo 577 minuti pari a 10 ore circa di ritardo complessivo
I treno*km cancellati pari a 297

La regolare circolazione è ripresa alle 14.45 sulla linea Messina – Catania, sospesa alle 12.20 tra le stazioni di Taormina e Letojanni per l’incendio lungo i binari.

Solo dopo l’intervento dei Vigili del fuoco e le verifiche all’integrità dell’infrastruttura è stato possibile consentire il passaggio dei treni in sicurezza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo