Catania, nigeriano rapinato da un gruppo di stranieri: preso il principale aggressore

La vittima ha detto ai poliziotti che gli aggressori stazionavano ancora a poca distanza da lui, e fra questi, ne ha specificato uno in particolare, cioè quello che lo aveva minacciato

Immagine di repertorio

Nel primo pomeriggio di ieri, agenti delle Volanti hanno arrestato Lamine Keita classe 96, di nazionalità maliana, per i reati di rapina aggravata in concorso e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Intorno alle 13:35, personale delle Volanti a seguito di una segnalazione  di rapina a opera di cittadini extracomunitari, si è recato in via Di Prima.

Sul posto, hanno preso contatto con la vittima, un uomo di nazionalità Nigeriana che ha riferito agli agenti di essere stato aggredito e rapinato, della somma di 60 euro, da sei giovani, anch’essi extracomunitari.

La vittima, che prima di essere stato derubato era stato colpito e minacciato da uno dei malfattori con una bottiglia, ha detto ai poliziotti che, gli aggressori stazionavano ancora a poca distanza da lui, e fra questi, ne ha specificato uno in particolare, cioè quello che lo aveva minacciato.

I delinquenti alla vista dei poliziotti si sono dati a precipitosa fuga, imboccando diverse direzioni per far perdere le loro tracce.

Gli agenti sono riusciti comunque a bloccare in via Pistone il giovane che la vittima aveva indicato come il principale aggressore e, nel corso della perquisizione personale effettuata sul posto, sono stati rinvenuti tre involucri contenenti hascisch, per un peso lordo complessivo di 11 grammi che sono stati debitamente sequestrati.

Il malfattore, è stato condotto in questura e su disposizione del Pm di turno condotto alla Casa Circondariale di piazza Lanza in attesa del rito di convalida da parte del Gip.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo