San Giovanni La Punta, travolge con l’auto le vittime che aveva raggirato con la “truffa dello specchietto”, arrestato

L’uomo fuggì velocemente investendo prima la macchina della donna e poi l’anca e la coscia sinistra, quindi colpì il figlio per poi proseguire nella fuga

I Carabinieri della stazione di San Giovanni La Punta hanno arrestato il 34enne adranita Alfredo Restivo, in esecuzione di una misura cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Catania, in ordine ai reati di truffa, danneggiamento e lesioni personali aggravate in concorso.

Le indagini, coordinate dai magistrati della Procura della Repubblica etnea, hanno fatto piena luce sui fatti  commessi il 27 aprile scorso a San Giovanni la Punta quando l’indagato, con l’aiuto di un complice allo stato non identificato, colpì volontariamente lo specchietto retrovisore di una Toyota Yaris e, simulando di avere subito un danno alla propria autovettura a causa della condotta di guida della conducente del veicolo, indusse in errore la stessa (colpendo la macchina della predetta mentre era in marcia in modo da simulare un contatto tra i due veicoli, mostrando il danno allo specchietto retrovisore in realtà già danneggiato) che gli consegnò la somma di 20 euro a titolo risarcitorio.

La vittima, accompagnata nella circostanza dal figlio, dopo essersi allontanata dal luogo del presunto impatto, avendo avuto la sensazione di essere stata raggirata, tornò indietro rintracciando il truffatore in via Merano, sempre a San Giovanni La Punta. A tal punto chiese allo stesso la restituzione del denaro, mentre il figlio cercò di raggiungere una pattuglia di Vigili urbani ai quali raccontare l’accaduto ma, in quel frangente, l’uomo, alla guida di una Alfa Romeo 147, fuggì velocemente investendo dapprima la parte anteriore della macchina della donna e poi l’anca e la coscia sinistra della medesima; nonostante ciò l’uomo proseguì nella fuga colpendo anche il figlio della donna che nel contempo, visto l’evolversi della situazione, era giunto in soccorso della madre.

I malviventi si diedero definitivamente alla fuga, mentre le vittime, trasportate in ospedale, patirono: la madre delle contusioni al gluteo, all’anca e alla coscia sinistra, con prognosi di 10 giorni, mentre il figlio una frattura composta del piatto tibiale ed altre lesioni con prognosi di 30 giorni.

La scrupolosa ricostruzione degli accadimenti, ha consentito agli investigatori di raffigurare un quadro probatorio a carico dell’indagato che,  recepito in toto  dal giudice, ha trovato il giusto epilogo nell’emissione del provvedimento restrittivo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo