Catania, tenta rapina ma la vittima fugge: va in carcere

In un primo tempo se l'era cavata con una denuncia in stato di libertà; adesso l’autorità giudiziaria ha disposto il fermo

Finisce in carcere il rapinatore tunisino Chokri Haddad (cl. 1980) che, insieme con un complice, la sera dello scorso 27 luglio aveva tentato di rapinare un cittadino marocchino, non riuscendovi per la fuga della vittima.

Haddad era stato raggiunto dai poliziotti nella sua abitazione, dove si era rifugiato e dove aveva anche nascosto il coltellaccio col quale aveva minacciato la sua vittima, mimando il gesto del taglio della gola.

La trascorsa flagranza, in un primo tempo, gli aveva permesso di “cavarsela” con una denuncia in stato di libertà; adesso, però, considerate le circostanze, l’autorità giudiziaria ha disposto il fermo dell’uomo che è stato prelevato dalla sua abitazione, alle prime luci dell’alba, e rinchiuso nel carcere Piazza Lanza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo