Catania, intensificati i controlli in stazione: 3 denunce per rissa

Sono state impiegate 33 pattuglie, 7 sono stati i servizi specifici antiborseggio organizzati  in stazione, 15 le pattuglie impiegate a bordo treno, 28 i treni scortati e 9 le pattuglie lungolinea

L’attività svolta nel periodo di ferragosto dalla Polizia Ferroviaria etnea ha permesso di controllare 1.241 persone di cui 3 soggetti sono stati indagati in stato di libertà.

Nella settimana dal 10 al 15 agosto, la Sezione Polfer di Catania, ha intensificato i controlli in stazione e nei principali siti FS di competenza ad interesse turistico. L’affluenza dei vacanzieri è stata altissima, fino a toccare picchi massimi nelle giornate del 14 e 15 agosto, per l’usanza consolidata dei ragazzi di passare la notte del ferragosto in spiaggia e rientrare nella giornata successiva, a cui si aggiungono i turisti che intendono raggiungere località come Taormina o Siracusa. Un’abitudine che vede l’incremento di passeggeri sui treni in maniera esponenziale e mette a dura prova l’apparato di sicurezza della specialità della Polizia Ferroviaria, impegnata su più fronti in Stazione, a bordo treno e lungolinea.

Sono state impiegate 33 pattuglie, 7 sono stati i servizi specifici antiborseggio organizzati  in stazione, 15 le pattuglie impiegate a bordo treno, 28 i treni scortati e 9 le pattuglie lungolinea.

I tre soggetti deferiti all’A.G., sono stati denunciati per rissa avvenuta all’interno della stazione Centrale. Le aggressioni reciproche, sono state prontamente fermate dagli operatori Polfer in stazione i quali, dopo aver calmato gli animi, hanno accompagnato i due uomini ed una donna in ufficio per quanto di competenza.

Un servizio di pattuglia di macroarea ha portato gli operatori a rendere sicure le aree fino a Ragusa e Gela nella giornata di Ferragosto.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo