Adrano, armi e dorga in un garage: pregiudicato in manette

L'uomo è ritenuto responsabile di detenzione illegale di armi da fuoco clandestine e munizioni e di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

La Polizia di Stato ha arrestato Vincenzo Castelli, classe 1985, pregiudicato, ritenuto responsabile dei reati di detenzione illegale di armi da fuoco clandestine e munizioni, nonché detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nell’ambito dei controlli finalizzati alla repressione del spaccio di sostanza stupefacente nel territorio del comune di Adrano, personale del commissariato locale, congiuntamente alla Squadra Mobile, ha proceduto nel centro cittadino al controllo dell’autovettura Mercedes classe A con a bordo Vincenzo Castelli e un’altra persona.

Considerato che Vincenzo Castelli, noto agli operatori, era stato visto nei pressi di un garage sito in via La Malfa, si procedeva alla perquisizione del citato locale al cui interno sono stati rinvenuti e sequestrati: 1 fucile automatico marca Breda calibro 12, con canne mozzate, matricola abrasa, con 24 cartucce a carica spezzata; 1 pistola semi automatica calibro 9, anno di fabbricazione 1963, priva di marca e con matricola abrasa, con 2 caricatori privi di munizionamento; 48 cartucce calibro 7,65, di marche diverse; 101 cartucce calibro 380 marca G.F.L.; 1 giubbotto antiproiettile; circa 170 grammi di sostanza stupefacente del tipo eroina e circa 1,250 grammi di sostanza stupefacente del tipo marijuana.

Nel prosieguo dell’attività, è stata eseguita una perquisizione all’interno di un altro garage, nella disponibilità di Castelli, che ha consentito di rinvenire e sequestrare sostanza stupefacente del tipo cocaina per complessivi 7grammi e 44 cartucce calibro 12.

Espletate le formalità di rito, Castelli è stato associato alla casa circondariale di Catania – Piazza Lanza a disposizione dell’autorità giudiziaria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo