Catania, controlli amministrativi nei centri scommesse, sanzioni per il titolare di un punto Snai

Sono state elevate sanzioni per da mille 500 per ogni lavoratore in nero e diffidato il titolare ad adempiere agli obblighi di legge

Immagine di repertorio

Il 7 novembre scorso, nel corso di mirati servizi per la prevenzione e repressione del gioco illegale, sicurezza del gioco e tutela dei minori, personale della Squadra Amministrativa del commissariato “Centrale”, procedeva al controllo di un esercizio pubblico in via della Concordia, nel cuore del rione San Cristoforo, quartiere ad alta densità di illegalità. L’attività di accertamento permetteva di contestare alla titolare del punto Snai, regolarmente autorizzata, la violazione dell’art. 8 del Tulps, poiché, in assenza di specifica designazione di rappresentante, si faceva sostituire da persona diversa.

La sanzione relativa ammonta ad euro 1032; altresì, lo stesso personale eseguiva attività di accertamento e di controllo presso un esercizio commerciale di bar-pasticceria sito in questa via Plaia.

Nell’attività lavorativa venivano rintracciati numero 5 lavoratori in nero. Per tale violazione é stata redatta apposita segnalazione, trasmessa al competente Ufficio provinciale dell’Ispettorato del Lavoro, per le relative sanzioni e disposizioni vigenti in materia. Elevate sanzioni per l’importo di euro 1500 per ogni lavoratore in nero e diffidato il titolare ad adempiere agli obblighi di legge.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo