Catania, la Polizia scopre un bar con sala giochi abusivo e gestito da due ragazzini di 9 e 10 anni

Individuato anche un deposito di numerose autovetture rubate, già smantellate dei relativi pezzi di ricambio, utilizzati per alimentare il lucroso mercato della ricettazione

Nella giornata di ieri e nei giorni scorsi, su disposizione del Questore Mario Della Cioppa, personale del Commissariato Librino ha effettuato controlli straordinari volti a contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere di competenza.

In particolare, le attività di prevenzione e repressione delle condotte illecite contro il patrimonio, per le quali il rione si mostra particolarmente sensibile, hanno consentito di individuare un capannone in disuso adibito estemporaneamente a deposito di numerose autovetture rubate, già smantellate dei relativi pezzi di ricambio, utilizzati per alimentare il lucroso mercato della ricettazione. Fatto di rilievo è che nel corso dell’accertamento si appurava che il proprietario del capannone era assolutamente ignaro dell’utilizzo abusivo dello stesso da parte di terzi, in spregio delle più elementari norme a tutela del patrimonio. Le autovetture rinvenute, ridotte ormai in carcasse, sono state riconsegnate ai legittimi proprietari.

Ulteriori controlli hanno riguardato la repressione dei reati commessi in danno dei minori e gli illeciti in materia di invasione di edifici pubblici, nonché quelli di truffa in danno dello Stato per l’indebito percepimento di sussidi statali. In totale sono stati accertati e contestati 23 reati, indagate 11 persone in stato di libertà, controllate oltre 50 persone e molteplici attività commerciali, risultate totalmente abusive.

Particolare rilievo assume il controllo eseguito in viale Bummacaro dove è stata accertata un’attività commerciale abusiva, nello specifico un bar con annessa sala giochi e rivendita di fuochi d’artificio, allestita in una struttura costruita abusivamente nella via pubblica con annesso un immobile ubicato al piano terra di proprietà del Comune di Catania, occupato abusivamente. Detta attività era gestita da due minorenni di anni 9 e 10 con l’assenso del padre e del fratello maggiorenne, entrambi impegnati in altra attività lavorativa e assenti nella circostanza.

Fatto grave è che i suindicati minori servivano bevande alcoliche agli avventori e gestivano la cassa, la sala giochi e la vendita di fuochi vietati ai minori di 18 anni, lavorando, tra l’altro, in luoghi non salubri e non sicuri. Nel prosieguo dei controlli, si accertava ancora, che all’interno del pozzetto congelatore erano custoditi prodotti alimentari surgelati non contrassegnati come tali in apposito menù. Infine, nota dolente che ha connotato l’attività di controllo, è che uno dei due minorenni, infastidito dal controllo di polizia in atto, ha acceso, nelle more dello stesso, dei fuochi d’artificio dentro il locale e sulla pubblica via.

Alla luce di quanto accertato, il padre di detti bambini e il fratello maggiore, convocati sul posto, sono stati indagati per i reati di vendita e cessione di fuochi d’artificio a minori di anni 18, invasione di edifici e terreni pubblici, sfruttamento del lavoro minorile, mancanza della tabella dei giochi proibiti, frode alimentare e, solo per il padre, in quanto esercente la potestà genitoriale, per la fattispecie di accensione di fuochi d’artificio in luogo pubblico senza autorizzazione.

L’ingente quantitativo di fuochi d’artificio è stato sequestrato penalmente e affidato al Nucleo artificieri della Polizia di Stato per la relativa distruzione. Ulteriore controllo di polizia ha consentito di indagare in stato di libertà 2 soggetti, pregiudicati, in quanto responsabili di detenzione e vendita abusiva di fuochi d’artificio artigianali e cessione di fuochi a minori di anni 14, in quanto colti nell’atto di vendere detti fuochi a diversi soggetti, tra cui un minore di anni 10.

È stato eseguito anche un sequestro amministrativo di fuochi pirotecnici in via Domenico Tempio e, nella circostanza, al responsabile sono state contestate le previste sanzioni pecuniarie amministrative.

Effettuati, altresì, controlli volti a contrastare il fenomeno della dispersione scolastica derivante dall’ingiustificata e non autorizzata assenza di minorenni dalla scuola dell’obbligo. A tal riguardo, è stato accertato che 5 minori hanno abbandonato l’istruzione obbligatoria, diversi dei quali iscritti alla scuola secondaria di primo grado, ossia prima media e terza media; per tale motivo 5 soggetti esercenti la potestà genitoriale sono stati indagati in stato di libertà per i reato previsto dall’art. 131 del codice penale integrato dalla legge 296/2006 (inosservanza dell’obbligo di istruzione dei minori).

Infine, nei Viali Moncada e Grimaldi, è stata accertata la presenza di 2 supermercati totalmente abusivi allestiti all’interno di edifici del Comune di Catania e, fatto di rilievo, che uno dei 2 gestori percepisce dal mese di aprile il reddito di cittadinanza. Entrambi sono stati indagati in stato di libertà per il reato di invasione di edifici pubblici, mentre uno anche per truffa aggravata per il l’ingiusto conseguimento di erogazione pubblica.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo