Catania, controlli antidroga della Polizia: arrestati due pusher

Nell’ambito di servizi disposti dal questore di Catania contro lo spaccio di stupefacenti, i “Falchi” della Squadra Mobile hanno arrestato i due pusher

La Polizia di Stato ha tratto in arresto i pregiudicati Ivan Piacente, classe ‘89, e Alfio Sottile, classe ’53 perché responsabili, il primo di detenzione ai fini di spaccio di marijuana e il secondo di detenzione ai fini di spaccio di cocaina.

Nel weekend appena trascorso, nell’ambito di mirati servizi disposti dal questore di Catania volti a contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti, i “Falchi” della Squadra Mobile hanno arrestato i due.

Il primo, dopo un servizio di appostamento che ha permesso di appurare che nei pressi della sua abitazione nel quartiere di Picanello (dotata di sofisticato impianto di sorveglianza) vi era un continuo e sospetto viavai di giovani, è stato sorpreso mentre stava prelevando nel sottosella del proprio scooter 100 grammi di marijuana.

Aveva, infatti, quasi finito lo stupefacente e stava attingendo dalla “riserva” che era solito tenere all’interno del proprio motoveicolo. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire ulteriori 10 dosi della medesima sostanza, materiale per pesatura e confezionamento e diverse centinaia di euro in contanti. L’uomo è stato, dunque, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliare dopo l’udienza per direttissima.

Il secondo, a seguito di attività info investigativa, è stato sottoposto a perquisizione domiciliare (nel quartiere San Cristoforo) in quanto vi erano diversi indizi che lo indicavano quale pusher di cocaina.

All’interno della sua abitazione sono stati, infatti, rinvenuti e sequestrati circa 20 grammi di cocaina, in parte divisa in 26 dosi già pronte allo smercio e in parte ancora in pietra e quindi ancora in attesa di “taglio” e “confezionamento”.

Anche lui è stato posto agli arresti domiciliari, in attesa di determinazioni dell’autorità giudiziaria.

Entrambi i soggetti arrestati risultavano pluripregiudicati per reati specifici.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo