Volley, l’anno inizia con un giro di boa per Etnapolis Catania: si smuove la classifica

Dopo il riposo del prossimo turno, Etnapolis Catania fronteggerà al Palaspedini, sabato 25 gennaio, alle 18, l'Aquila Bronte

La prima partita di Etnapolis Catania in questo nuovo anno, coincide col primo punto in classifica.

Un punto conquistato che certamente fa morale e che porterà sicuramente maggiore consapevolezza alla compagine di mister Giuffrida.

Un punto dietro cui però c’è rammarico per quella che doveva e poteva essere la prima vittoria in campionato: i rossazzurri perdono al Palaspedini contro il Gupe Catania con il punteggio di 2-3 (Parziali: 16-25; 25-21; 12-25; 25-20; 14-16).  Il sestetto etneo infatti ha fallito un match point al tie break sul 14-13. Poteva andare meglio, ma sicuramente questa partita segna un punto di svolta per i rossazzurri, che finalmente smuovono la classifica.

“E’ stata una partita spettacolare – afferma il mister Giuffrida – abbiamo avuto una tenuta mentale ed una concentrazione dall’inizio alla fine della partita, che fino ad ora non avevamo mai avuto dall’inizio alla fine della partita. Abbiamo creduto fino all’ultimo anche nei momenti più difficili che potevamo farcela e siamo stati sempre coraggiosi con estrema responsabilità. Mi preme sottolineare la prestazione di Simone Nicosia, che è in netta ripresa. Un plauso a tutta la squadra, soprattutto in difesa: tutti hanno dato il massimo!”

Una partita con una discreta cornice di pubblico, anche se si sente la mancanza di un sostegno maggiore da parte dei tifosi, che restano ancora troppo legati al punteggio e non alla crescita della squadra.

“Una bellissima partita. Spero che i ragazzi abbiano preso consapevolezza delle proprie capacità – afferma il presidente Etnapolis Catania, Natale Aiello – tutti i ragazzi hanno doti fisiche ed atletiche non indifferenti. Nel nuovo anno un nuovo inizio che ci fa ben sperare!”

Dopo il riposo del prossimo turno, Etnapolis Catania fronteggerà al Palaspedini, sabato 25 gennaio, alle 18, l’Aquila Bronte.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo