Misterbianco, approvati i progetti di manutenzione stradale e videosorveglianza e la convenzione per il lavoro

Il Comune potrà acquisire l’elenco dei beneficiari che devono essere convocati per la stipula del Patto per l’inclusione sociale

Nell’ambito degli interventi finalizzati al miglioramento delle condizioni di fruibilità e di sicurezza della rete viaria urbana ed extraurbana del territorio comunale, la Commissione, con i poteri della Giunta Municipale, ha approvato il progetto esecutivo dei lavori di manutenzione straordinaria del corso Carlo Marx, dell’importo di 355mila euro e, ha proceduto all’approvazione del progetto esecutivo dei lavori di manutenzione straordinaria dei tratti di competenza del comune di Misterbianco della ex S.S. 121 (Catania – Paternò) e della ex S.P. 12/I (Misterbianco – San Giovanni Galermo), dell’importo complessivo di 570mila euro.

Nel quadro del potenziamento della sicurezza urbana e della promozione del miglioramento del decoro complessivo della città si inserisce il finanziamento del progetto per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza nell’intero territorio urbano e soprattutto nelle frazioni più disagiate di Lineri e Monte Palma per un importo complessivo di 427euro. Il progetto si inquadra nell’ambito del patto per la sicurezza siglato nel mese di giugno 2018 con il Prefetto di Catania, secondo un impianto delineato dal Legislatore e definito con decreto del ministro dell’Interno di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze del 31 gennaio 2018, che prevede l’installazione di telecamere nelle aree maggiormente critiche interessate da fenomeni di criminalità diffusa e predatoria, con l’obiettivo prioritario di prevenire e reprimere i suddetti fenomeni.

Inoltre, allo scopo di favorire l’accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’inclusione sociale dei nuclei familiari beneficiari del reddito di cittadinanza, è stata sottoscritta, nel mese di dicembre 2019, una convenzione tra il Comune di Misterbianco e il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali finalizzata a facilitare lo scambio di informazioni con gli altri servizi territoriali ed enti nazionali convolti nell’attuazione della misura.

In particolare, attraverso l’utilizzo della piattaforma digitale istituita nel dicastero, l’Ente potrà acquisire l’elenco dei beneficiari che devono essere convocati per la stipula del Patto per l’inclusione sociale, nonché le informazioni relative a coloro che hanno sottoscritto il Patto per il lavoro, necessarie per la gestione dei progetti utili alla collettività.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo