Catania, danno cardiovascolare, uno studio sull’influenza della parodontite

La parodontite potrebbe influenzare in maniera negativa il rischio precoce di danno cardiovascolare

La parodontite potrebbe influenzare in maniera negativa il rischio precoce di danno cardiovascolare.

È quanto sostiene una ricerca condotta da un team dell’Università di Catania coordinato dal prof. Gaetano Isola, docente del dipartimento di Chirurgia generale e Specialità medico-chirurgiche diretto dal prof. Alessandro Cappellani e ricercatore dell’Unità operativa di chirurgia orale e parodontologia della Clinica odontoiatrica diretta dal prof. Sebastiano Ferlito dell’Ateneo, afferente al corso di laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria presieduto dalla prof.ssa Rosalia Leonardi.

I risultati dell’indagine sono stati pubblicati nei giorni scorsi sulla rivista “Scientific Reports” del gruppo “Nature”, nell’articolo dal titolo “Analysis of Endothelin-1 Concentrations in Individuals with Periodontitis”.

La ricerca, condotta su pazienti affetti da parodontite e da malattia coronarica, aveva lo scopo di indagare l’influenza della parodontite e della malattia coronarica sui livelli sierici e salivari dell’Endotelina-1, marker di rischio precoce di danno endoteliale. In questa occasione, è stato evidenziato il ruolo sinergico della parodontite in pazienti affetti da malattia coronarica che ha comportato un aumentato rischio di danno endoteliale precoce a livello sistemico.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo