Catania, “Earth Day”: il Cutgana aderisce alla mobilitazione digitale globale

Un’edizione, quella di quest’anno, che, vista l’emergenza Coronavirus, sarà per la prima volta nella storia interamente digitale

Anche quest’anno il centro di ricerca Cutgana dell’Università di Catania aderirà alla Giornata Mondiale della Terra che proprio oggi, 22 aprile, festeggerà 50 anni. Un’edizione, quella di quest’anno, che, vista l’emergenza Coronavirus, sarà per la prima volta nella storia interamente digitale con l’evento “Earth Day 50”.

La manifestazione, la più grande del pianeta sui temi ambientali, finalizzata alla promozione della salvaguardia della Terra, è stata istituita nel 1970 e ogni anno coinvolge fino a un miliardo di persone in ben 192 paesi del mondo.

Il Cutgana aderirà all’iniziativa con due eventi digitali che saranno promossi tramite i propri canali social: i virtual tour e i video-spot delle riserve naturali in gestione.

Basterà un clic quindi per scoprire comodamente da casa le riserve naturali: l’Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi e l’Area marina protetta Isole Ciclopi di Aci Trezza con le caratteristiche rocce basaltiche, lucertola endemica Podarcis siculus ciclopica e una ricchissima fauna e flora sommerse. Proprio l’Isola Lachea è visitabile anche su Street View di Google. L’Isola Bella di Taormina, la Perla del Mediterraneo, un’area di straordinaria bellezza, monumento di interesse storico-artistico di particolare pregio e dal particolare valore paesaggistico. E ancora immersa tra l’Etna e il golfo di Catania, la riserva naturale “Complesso Immacolatelle e Micio Conti” che tutela un complesso di grotte laviche in un tipico paesaggio agrario caratterizzato dalla presenza di un sistema diffuso di casudde, saje e muri a secco. Nel Siracusano le riserve Grotta Monello, Grotta Palombara e Complesso speleologico Villasmundo-S. Alfio immerse nel paesaggio ibleo tra grotte mozzafiato, laghetti e una particolare fauna e flora, mentre ad Agira la riserva Vallone di Piano della Corte con i suoi rarissimi ambienti umidi e il monumentale Pioppo nero.

Il Cutgana, inoltre, ha rilanciato i due concorsi di idee #iorestoacasa e “disegno la mia area naturale protetta” (rivolto agli studenti delle scuole primarie) e #iorestoacasa e “condivido le foto e i video della mia riserva” (rivolto agli studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado e studenti universitari) prorogando la scadenza per presentare i propri elaborati al 29 aprile. Già sono stati presentati oltre 100 contributi tra foto, disegni e anche filastrocche.

Col primo concorso di idee – “disegno la mia area naturale protetta” – lo studente della scuola primaria è invitato a immaginare e colorare la sua area naturale protetta con un disegno che può contenere anche frasi, filastrocche e piccoli elaborati. Il secondo concorso – “condivido le foto e i video della mia riserva” – è rivolto a tutti gli studenti delle scuole secondarie e universitari che in questi anni hanno visitato le aree protette gestite dal Cutgana e sono in possesso di scatti fotografici e video che vogliono condividere mettendoli in rete.

Gli elaborati – disegni, foto e video – dovranno essere inviati esclusivamente su visite.cutgana@unict.it, i più interessanti verranno inseriti sul sito del Cutgana (www.cutgana.unict.it) e condivisi sui canali social del centro universitario.

I regolamenti sono disponibili sul sito www.cutgana.unict.it.

«Quest’anno ricade la celebrazione per il 50° dell’Earth Day – spiega Emilia Musumeci, responsabile delle attività didattiche del Cutgana -. L’emergenza Covid-19 ci impedisce di organizzare moltissime attività ed eventi che tutti gli anni proponiamo alle scuole e alla comunità, nonostante tutto, anche se il momento che stiamo vivendo rende difficili le celebrazioni in tutto il mondo, è necessario lanciare un messaggio di solidarietà e di speranza e recuperare quell’equilibrio originario tra uomo e natura, perché questo è l’unico pianeta che abbiamo e che dobbiamo difendere».


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo