Arrestato latitante a Catania. Ricercato da marzo, deve scontare 5 anni

Il provvedimento è relativo a diverse condanne divenute definitive, per reati contro la persona e contro il patrimonio e associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti

Nell’ambito dell’attività volta al rintraccio della persone destinatarie di provvedimenti restrittivi, la Polizia di Stato ha eseguito ordini di esecuzione per la carcerazione disposti dall’autorità giudiziaria. In particolare, personale della Squadra Mobile – Squadra “Catturandi” ha tratto in arresto Concetto Questorino, (cl. 1982), pluripregiudicato, latitante. L’uomo è destinatario di un ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso il 6 marzo 2020, dalla Procura Generale della Repubblica – Ufficio Esecuzioni Penali – dovendo espiare la pena residua di 5 anni, 10 mesi e 6 giorni di reclusione, per rapina aggravata, furto aggravato e reati in materia di stupefacenti, già irreperibile dal 6 marzo 2020.

Il provvedimento restrittivo, è relativo a diverse condanne, divenute definitive, per reati contro la persona e contro il patrimonio, nonché per associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, reato per il quale Concetto Questorino era stato arrestato dalla Squadra Mobile etnea il 21 gennaio 2014, nell’ambito dell’operazione “Colomba”, in esecuzione di ordine di custodia cautelare inc arcere, emessa il 9 gennaio 2014 dal Gip del Tribunale di Catania, a carico di 48 persone appartenenti al sodalizio criminale mafioso denominato “Carateddi.

Concetto Questorino, è stato rintracciato mentre si trovava in strada nel popoloso quartiere di San Cristoforo.

Espletate le formalità di rito, Questorino è stato trasferito alla Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto (ME).


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo