Il Duca e il Ciclope. Musica, danza, libri e fotografia al Castello Nelson di Bronte

Un nuovo festival multidisciplinare inserito nella rete di Italiafestival, la principale associazione che riunisce gli eventi artistici italiani

Nasce a Bronte, alle pendici dell’Etna, un nuovo festival multidisciplinare, ideato da AreaSud con la direzione artistica di Maurizio Cuzzocrea e inserito nella rete di Italiafestival, la principale associazione che riunisce gli eventi artistici italiani.

Dal 1 al 9 agosto, due fine settimana di eventi segneranno la prima fase della riapertura del Castello Nelson, storica e suggestiva dimora dell’ammiraglio Horatio Nelson, sorta intorno all’Abbazia di Santa Maria di Maniace.

Dall’ammiraglio Nelson e dal ciclope Bronte prende il nome la rassegna brontese, che accoglie nel suo ricco programma le produzioni di una rete alimentata dalla collaborazione tra enti del terzo settore che si occupano di cultura e arte in tutti i loro aspetti.

L’inaugurazione del festival, sabato 1 agosto, vedrà la presentazione, nei locali dell’ex granaio del Castello, della mostra fotografica “Dentro l’eco dei nostri passi”, che racconta un insolito punto di vista naturalistico della “Montagna” dei fotografi Eletta Massimino e Salvo Cuscunà.

Lo stesso giorno è in programma la presentazione del libro “Viaggiatori” di Piero Ristagno, edito da Néon Edizioni, con interventi del musicista ed etnomusicologo Roberto Catalano, che suonerà le benas, un antichissimo strumento a fiato mediterraneo.

La conclusione della giornata sarà dedicata a “I Suoni dell’Etna” con gli interventi di Luca Recupero, virtuoso dello scacciapensieri e ideatore del Marranzano World Festival, e di Angelo Salerno, esperto suonatore di zampogne.

Il festival prosegue il 2 agosto con la presentazione del secondo libro di Stefania Licciardello, “Il Libro dei Bisogni”, pubblicato da Néon Edizioni. A seguire, la partecipazione del giornalista e attore catanese Danilo Ferrari, che racconterà la sua esperienza artistica e sociale, con il presidente del Centro Studi Don Milani, Salvo Spagano, seguiti dalla performance “L’eco dei passi”, ispirata alle fotografie della mostra, con Martina Di Prato, Elettra Giunta, Monica Felloni e Raffaella Suriano.

Sabato 8 e domenica 9 agosto, nel suggestivo cortile interno del Castello Nelson, la musica tradizionale sarà protagonista delle serate che accompagneranno il pubblico in un viaggio tra musica, danza e tradizioni che, da Oriente a Occidente, parte sabato 8 agosto dall’India, con il duo Abhidheya di Lamia Barbara e Riccardo Gerbino, per attraversare la Persia, con i canti e i suoni del virtuoso Karim Alishahi, accompagnato da Enrico Grassi Bertazzi, per giungere il 9 agosto in Grecia, grazie al musicista e ricercatore Carmelo Siciliano e arrivare infine sull’Etna, attraversando la Calabria con il suono mediterraneo del Quartetto AreaSud, che unisce il friscaletto e il marranzano siciliani di Franco Barbanera e Mario Gulisano, la chitarra battente di Maurizio Cuzzocrea e il tappeto ritmico del bassista catanese Marco Carnemolla.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo