Alle dottoresse Catalano, Cinà e Monea il premio “Donne e Covid”

Nel periodo di massima emergenza sanitaria da Covid-19, Onda ha istituito uno speciale riconoscimento per le donne

Nel periodo di massima emergenza sanitaria da Covid-19, ONDA (Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna) ha istituito uno speciale riconoscimento per le donne che si sono particolarmente distinte nello svolgimento del loro prezioso lavoro, nell’ambito della rispettiva struttura di riferimento.

Per l’Azienda Ospedaliera Cannizzaro, in prima linea nei mesi scorsi e adesso di nuovo impegnata nell’assistenza dei malati Covid, il direttore generale dott. Salvatore Giuffrida, con il supporto della dott.ssa Mirella Cannada referente di ONDA, ha segnalato tre professioniste che si sono distinte per impegno, abnegazione e professionalità.

Il riconoscimento “Donne e Covid-19” è stato quindi assegnato alla dott.ssa Diana Cinà, direttore sanitario dell’Azienda Cannizzaro, che ha coordinato il team per la pandemia ed è stata punto di riferimento costante per le Unità Operative dedicate all’emergenza e sostegno fondamentale per il personale che ha affrontato eventi inattesi. Premiata anche la dott.ssa Maria Concetta Monea, direttore dell’UOC di Anestesia e Rianimazione, che nel corso della pandemia ha gestito le problematiche organizzative dell’emergenza sanitaria e ha partecipato insieme con tutti i medici della terapia intensiva allo studio multicentrico di un farmaco atto a dare un significativo apporto alla risposta immunitaria. Riconoscimento “Donne e Covid” anche alla dott.ssa Francesca Catalano, direttore dell’UOC di Senologia, che ha assicurato alle pazienti oncologiche assistenza e massima sicurezza durante il ricovero, continuando il meeting multidisciplinare organizzato online al fine di fornire ogni risposta alle pazienti.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo