Qualità della vita: fascia nera per le siciliane

Solo Messina è tra le prime 90 (su 107), risultato disastroso per tutta la Sicilia

In Sicilia la qualità della vita è scadente. Maglia nera alle siciliane assegnata da Italia Oggi e Università La Sapienza di Roma che, ogni anno si occupano di redigere la classifica nazionale. Per leggere un nome familiare, infatti, bisogna arrivare alla 90esima posizione dove si è posizionata Messina, la migliore tra le peggiori. Poco dopo, alla 92esima posizione, Catania, seguita da Trapani (95), Caltanissetta (97), Palermo (99), Ragusa (100), Enna (102), Siracusa (104) e Agrigento (105).

Per stilare la classifica vengono presi in esame i seguenti parametri: affari e lavoro, reati e sicurezza, sicurezza sociale, tempo libero e turismo, reddito, popolazione. Ai piani alti della classifica domina anche quest’anno il Nordest,  dove compaiono anche Verona, Treviso, Bolzano e Udine. Prima in assoluto, e quindi la città dove si vive meglio in Italia, Pordenenone. Chiude la parte ‘alta’ della classifica, in decima posizione, Siena.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo