Chiuso, per la terza volta, il “Sabor Latino”: violazioni alle disposizioni anticovid

Nonostante le sanzioni irrogate nelle scorse settimane, gli agenti hanno rilevato nuove trasgressioni nel locale

Il Questore di Catania ha nuovamente applicato l’art. 100 TULPS nei confronti dell’esercizio pubblico di somministrazione di alimenti e bevande di piazza Carlo Alberto denominato “Sabor Latino”, sospendendone l’attività per 15 giorni.

Nonostante le pregresse sanzioni irrogate anche per le violazioni della normativa anticovid, il titolare dell’esercizio si è dimostrato particolarmente pervicace nel perseverare nella sua condotta antigiuridica, tant’è che anche lo scorso 9 gennaio, intorno alle 20.30, agenti delle Volanti, nell’ambito di un ordinario controllo del territorio, hanno sorpreso all’interno dell’esercizio, quattro avventori seduti a un tavolo intenti a consumare cibo e bevande alcoliche in piena violazione delle norme previste dal noto DPCM. Quindi, con l’ausilio di personale dalla Polizia Municipale, il titolare dell’esercizio è stato sanzionato per mancato rispetto delle misure di contenimento previste dalla normativa vigente al fine di fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e l’attività è stata sospesa, in via cautelare, per 5 giorni.

Quello adottato dal Questore Mario Della Cioppa è il terzo provvedimento di sospensione ai sensi dell’art. 100 TULPS emesso nei confronti dell’esercizio, atteso che lo stesso è stato già più volte controllato da parte delle Forze dell’ordine e che il suo titolare è stato già sanzionato per violazione dei divieti e delle limitazioni previste dalla normativa anticovid nonché per occupazione abusiva di suolo pubblico, per violazione della normativa relativa alle condizioni igienico – sanitarie e delle norme di sicurezza: tali violazioni sono costate al responsabile di Sabor Latino la sospensione dell’attività per 10 e per 30 giorni.

Refrattario a ogni richiamo alla legalità e al rispetto dell’altrui incolumità e/o, come nel caso della violazione delle norme a contrasto della pandemia, della salute pubblica, il titolare di Sabor Latino continua a condurre la sua attività in modo illecito, tanto che l’esercizio è divenuto teatro di episodi caratterizzati da particolare allarme sociale, costituendo un oggettivo pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini.

Tale situazione, se tollerata, ha dimostrato di essere suscettibile di ulteriore aggravamento e quindi è reso necessario, a più riprese, porvi un freno a garanzia dei cittadini, del loro benessere e della loro sicurezza.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo