In tendenza

Adrano, nonostante i domiciliari va in giro con lo scooter e scappa dai Carabinieri: trasferito in comunità

Il giovane, pertanto, nel corso della notte è stato accompagnato all’Istituto Walden di Menfi (Ag), Comunità di alloggio per minori che accoglie i giovani destinatari della misura alternativa alla detenzione in struttura carceraria

Agenti del Commissariato di pubblica sicurezza di Adrano, hanno dato esecuzione all’ordinanza, emanata dal Magistrato di sorveglianza di Catania, che ha disposto il ripristino della misura alternativa della detenzione domiciliare in una struttura comunitaria di un 20enne, residente ad Adrano.

L’uomo, condannato con sentenza definitiva per detenzione abusiva di armi e spaccio di sostanze stupefacenti (all’epoca della commissione dei fatti era minorenne), era stato ammesso a scontare la pena attraverso l’affidamento in prova ai servizi sociali del comune di residenza.

Egli però aveva dimostrato di non tenere in debito conto le prescrizioni imposte dall’Autorità giudiziaria, tant’è che era solito scorrazzare per le vie del paese con il proprio motociclo privo di targa, e da ultimo per giunta aveva tentato di sottrarsi ad un controllo di polizia, non rispettando l’alt intimatogli dagli Agenti in servizio, fuggendo ad alta velocità e mettendo in grave pericolo l’incolumità dei numerosi pedoni che in quel momento transitavano per le vie cittadine.

Per tale comportamento veniva denunciato dal predetto personale del Commissariato di polizia per il delitto di resistenza a pubblico Ufficiale e segnalato all’Autorità giudiziaria la quale, preso atto di detta segnalazione e condividendo il parere espresso dall’Ufficio di polizia, ha sospeso l’affidamento in prova ai servizi sociali e ha ripristinato la misura alternativa del collocamento presso una struttura comunitaria.

Il giovane, pertanto, nel corso della notte è stato accompagnato all’Istituto Walden di Menfi (Ag), Comunità di alloggio per minori che accoglie i giovani destinatari della misura alternativa alla detenzione in struttura carceraria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo