In tendenza

Caltagirone, ausiliario in manette per peculato: in casa sua farmaci a uso ospedaliero

Grazie al suo ruolo all’interno dell'ospedale, l'uomo aveva la possibilità di spostarsi liberamente all’interno del presidio e di accedere a pressoché tutti i farmaci destinati ai pazienti

I Carabinieri della compagnia di Caltagirone hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un 61enne di Caltagirone, ausiliario in servizio al reparto di medicina e chirurgia d’accettazione e urgenza dell’ospedale “Gravina e Santo Pietro”.

Le indagini dirette dal sostituto procuratore della Procura Alessandro Di Fede, con il coordinamento del Procuratore della Repubblica Giuseppe Verzera, hanno permesso di ricostruire un quadro gravemente indiziario nei confronti di quest’uomo, indagato per peculato, in quanto trovato in possesso, nella sua abitazione, di un’ingiustificata quantità e tipologia di farmaci, gran parte dei quali a uso esclusivo ospedaliero. La causa di tale ingiustificato possesso sarebbe ravvisabile nel ruolo dell’uomo all’interno della struttura ospedaliera, poiché grazie al suo incarico avrebbe la possibilità di spostarsi liberamente all’interno del presidio e di accedere a pressoché tutti i farmaci destinati ai pazienti.

QUI il video

Il quadro probante emerso al termine delle indagini, condotte anche attraverso intercettazioni telefoniche, nonché accertamenti specifici a cura dei Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità di Catania volti a tracciare i medicinali, è stato condiviso appieno dal giudice per le indagini preliminari, che ha accolto la richiesta del pubblico ministero ed emesso l’ordinanza restrittiva della libertà personale. Inoltre, si evidenzia che l’arrestato era già stato coinvolto in un’indagine che ha riguardato fatti commessi all’interno dell’ospedale di Caltagirone, conclusasi lo scorso maggio, che ha visto nove indagati di cui cinque tratti in arresto, e dove l’arrestato è imputato per il reato di istigazione alla corruzione.

La persona destinataria della misura è Vito Pappalardo, nato a Caltagirone il 9 settembre 1960.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo