In tendenza

Belpasso, in carcere la moglie del boss Navarria: condannata a oltre 8 anni di carcere

La donna era parte integrante di quei 15 indagati per associazione mafiosa, estorsione aggravata in concorso e furto aggravato, facenti parte del gruppo di Belpasso

I Carabinieri della stazione di Belpasso hanno arrestato la 55enne Patrizia Paratore, del posto, in esecuzione di un ordine per la carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica di Catania.

La donna, arrestata il 4 maggio 2017, nell’ambito dell’operazione “Araba Fenice” del Nucleo Investigativo del comando provinciale dei Carabinieri, era parte integrante di quei 15 indagati per associazione mafiosa, estorsione aggravata in concorso e furto aggravato, facenti parte del gruppo di Belpasso, articolazione territoriale della famiglia di Cosa Nostra Catanese Santapaola – Ercolano, capeggiato da Carmelo Aldo Navarria, anche lui arrestato in quell’occasione e marito dell’odierna arrestata, un tempo uomo di fiducia di Giuseppe Pulvirenti detto “u Malpassotu”.

Ritenuta colpevole dai giudici per i suddetti reati, commessi a Belpasso nel periodo marzo 2007 – novembre 2015, dovrà scontare la pena definitiva equivalente a 8 anni e 10 mesi di reclusione. L’arrestata, assolte le formalità di rito, è stata rinchiusa nel carcere Pagliarelli di Palermo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo