In tendenza

Belpasso, tentano la fuga in auto ma vengono arrestati con droga e soldi

Il guidatore di una Fiat Panda, con un passeggero a bordo, stava tentando di defilarsi dalla coda di autovetture in attesa del controllo dei Carabinieri

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Paternò hanno arrestato il 20enne Giuseppe Sammataro, di Paternò, e il 24enne Barbaro Luca Maria Cosentino, perché responsabili di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

I militari, nell’ambito dei servizi effettuati per garantire il rispetto delle disposizioni governative sul contenimento epidemico da Covid-19, stavano effettuando un posto di controllo nella rampa d’uscita del centro commerciale Etnapolis in contrada Valcorrente quando, improvvisamente, hanno notato che il guidatore di una Fiat Panda, con un passeggero a bordo, stava tentando di defilarsi dalla coda di autovetture in attesa del controllo per immettersi in un’altra rampa, così cercando una via d’uscita.

Immediatamente i militari, dopo aver fatto defluire velocemente le autovetture incolonnate, si sono posti all’inseguimento dei fuggiaschi riuscendo a bloccare loro la strada con l’autovettura di servizio.

I militari quindi hanno identificato i due soggetti e, percependo un inconfondibile odore acre all’interno dell’autovettura, hanno provveduto ad effettuare una perquisizione che ha dato i suoi frutti, consentendo loro di rinvenire occultati sotto il tappetino del passeggero anteriore una busta di cellophane contenente 320 grammi di marijuana e la cospicua somma di 2mila 490 euro.

I due arrestati, sanzionati anche per la violazione alle disposizioni governative per il contrasto al Covid-19, sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo