In tendenza

Caltagirone, marijuana nella cucina dell’azienda: denunciato

L'uomo ha consegnato “spontaneamente” infiorescenze di marijuana affermando di non avere altro ma il cane “zero” lo ha smentito

I Carabinieri della stazione di Granieri, supportati dallo Squadrone Eliportato Cacciatori di Sicilia e dai colleghi del Nucleo Cinofili di Nicolosi, hanno arrestato un 32enne di Caltagirone gravemente indiziato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nella mattinata, nell’ambito di un servizio predisposto ad ampio raggio, finalizzato al contrasto dell’illegalità diffusa e in particolare dello spaccio di droga, i carabinieri hanno operato diverse perquisizioni nei confronti di persone messe sotto la lente d’ingrandimento di una pregressa e accurata attività info investigativa.

I militari si sono recati così, tra le altre, in una contrada del territorio di Granieri nell’azienda agricola di cui è socio il 32enne, il quale, alla vista dei carabinieri, dopo iniziali tentennamenti, ha prelevato da un pensile e consegnato “spontaneamente” un barattolo di tabacco marca Winston contenente 70 cime di infiorescenze di marijuana del peso complessivo di 38 grammi, riferendo di non averne altra.

Ma per il cane “zero” non era proprio tutto, difatti ha fiutato droga in un altro pensile al cui interno è stato rinvenuto un altro barattolo di tabacco contenente altri 3,8 grammi di marijuana, oltre a un bilancino di precisione e altro materiale idoneo al confezionamento.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo