In tendenza

Catania, arrestato autista di un tir: aggredisce gli agenti e scappa sulla Tangenziale

L'uomo usava una carta conducente detenuta illegalmente, con la quale tentava di eludere la verifica dei tempi di guida e di riposo

Nell’ambito dei servizi pianificati dal compartimento Polizia Stradale “Sicilia orientale”, una pattuglia della Polizia Stradale di Catania, in servizio sulla tangenziale, ha proceduto al fermo di un mezzo pesante appartenente ad una ditta di Salerno. Durante il controllo, tramite un sofisticato software, che consente in pochi minuti di scaricare i dati elettronici immagazzinati nel cronotachigrafo digitale degli autocarri e di rilevare eventuali anomalie o infrazioni, gli agenti hanno notato atteggiamenti nervosi e ostili da parte del conducente del veicolo. L’uomo infatti manteneva la mano destra all’interno della tasca dei pantaloni, rivolgendo parole irrispettose e minacciose nei confronti degli agenti. Per tali motivi, i poliziotti hanno richiesto l’ausilio di altro personale tramite la sala operativa compartimentale. Sul posto è giunta una volante e nonostante gli svariati tentativi degli agenti per calmarlo, l’uomo non solo ha reagito usando violenza, iniziando a strattonare e spintonare gli agenti, ma ha guadagnato la fuga salendo repentinamente sul veicolo e partendo a velocità. Per cui il personale polstrada assieme al personale delle volanti, dopo un inseguimento lungo la tangenziale, con il mezzo pesante che proseguiva la marcia con andamento a zig zag, cercando di speronare le auto della Polizia, sono riusciti a bloccarlo. Durante la fase concitata, l’autista ha gettato fuori dal finestrino qualcosa che, prontamente è stata rinvenuta: si accertava essere una carta conducente, detenuta illecitamente, con la quale ha tentato di eludere la verifica dei tempi di guida e di riposo.

L’autista è stato quindi arrestato per resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale, nonché sanzionato per gli articoli del codice della strada violati con particolare riferimento al superamento dei tempi di guida. L’autorità giudiziaria ha convalidato l’arresto e ne ha disposto l’immediata la liberazione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo