In tendenza

Catania, gli arretrati dei dipendenti comunali vanno liquidati dall’Organo straordinario di liquidazione

Il ministero dell’Interno, grazie all’interessamento del M5s, ha fatto chiarezza

A marzo e ad ottobre 2021 il consigliere comunale del M5s Graziano Bonaccorsi ha depositato due interrogazioni per chiedere chiarimenti all’Amministrazione sul problema dei dipendenti comunali, in attesa di ricevere alcuni crediti di lavoro, indennità e arretrati per gli anni 2016/17/18.

In entrambi i casi, però, le risposte sono state insufficienti e ridondanti.

Nei mesi passati la Commissione Straordinaria ha restituito all’Amministrazione la documentazione relativa al credito del personale per gli anni in questione, non ritenendola di propria competenza.

La recente risposta del ministero (sollecitata dal consigliere comunale Graziano Bonaccorsi, insieme alla senatrice Nunzia Catalfo, ex ministra del Lavoro, e al deputato Luciano Cantone) ha definito in modo chiaro la competenza in seno all’Organo straordinario di liquidazione, ponendo fine all’inutile scaricabarile che ha lasciato i dipendenti in attesa di ricevere le spettanze dovute.

Nonostante l’inerzia dell’Amministrazione e delle forze sindacali (bravi soltanto a fare propaganda sui giornali) e nonostante la condizione generale dell’ente, la risposta del ministero impone al comune un’azione rapida e di pressing sull’organo straordinario di liquidazione (Osl) per liquidare immediatamente le spettanze dei dipendenti. Non ci sono più alibi e non possiamo permetterci di attendere i tempi di una politica fallimentare e insipiente: i debiti vanno pagati e in tempi strettissimi.

Vigileremo sull’operato dell’amministrazione e solleciteremo il ministero dell’Interno, da cui dipende l’Osl, per velocizzare, eventualmente, le procedure di liquidazione.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo