In tendenza

Catania, interrogazione del M5s: “L’Amt riassume un dipendente neopensionato. E’ opportuno?” |Le precisazioni dell'azienda

Le parole di Graziano Bonaccorsi, primo firmatario di un’interrogazione del gruppo consiliare del M5s

“E’ opportuno che l’Amt riassuma un dipendente neopensionato per ricoprire, a tempo determinato, lo stesso ruolo? Alla fine dell’anno scorso, infatti, l’azienda ha cessato il rapporto di collaborazione con il dirigente della produzione, l’ingegnere Vitale, e a gennaio del 2021 ha avviato la procedura per la ricerca e la selezione di una figura per il posto vacante con un atto di interpello tra le partecipate. A chi è stato affidato l’incarico? Sempre all’ingegnere Vitale, con un contratto a tempo determinato per un periodo non superiore a sei mesi.”

Così una nota a firma del movimento 5 stelle Catania.

“L’interpello chiesto dall’Amt era indirizzato ai dipendenti ancora in servizio nella stessa azienda e tra le altre partecipate del comune, come è possibile che abbia partecipato un ex dirigente in pensione?” chiede Graziano Bonaccorsi, primo firmatario di un’interrogazione del gruppo consiliare del M5s. “Se fosse così, – aggiunge – si tratterebbe di una nuova assunzione, con maggiori spese, in contrasto con la normativa vigente sulle selezioni pubbliche di personale. Quali sono state le ragioni dell’atto d’interpello interno indirizzato al personale in forze che, come risultato, ha portato alla selezione dell’ex dirigente alla produttività (in pensione dal gennaio 2021) e il relativo conferimento dell’incarico? Alla luce della futura fusione con Sostare, la selezione del ‘nuovo’ ex dirigente è stata una scelta opportuna?”


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo