In tendenza

Catania, lunedì Sac incontra Cisl e Uil. All’ordine del giorno la vigilanza sulle società di handling

Sono quattro le società di handling che operano nello scale etneo: GH Catania, Aviation Services, Ata Handling e Aviapartner

Verifica sull’impiego degli ammortizzatori sociali, accertamento sull’orario di lavoro svolto effettivamente in contratto di solidarietà, controllo della sicurezza dei mezzi utilizzati. È il tema della vigilanza sulle società di handling all’aeroporto di Fontanarossa che le segreterie provinciali di Cisl e Uil, con le federazioni di categoria di Fit Cisl e Uil Trasporti, vogliono si metta all’ordine del giorno del prossimo incontro di lunedì 7 maggio, con la Sac, la società che gestisce lo scalo aereo catanese.

In vista dello sciopero nazionale di martedì 8 maggio del personale dipendente delle imprese di handling, proclamato dai dipartimenti nazionali di Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Ta – affermano i segretari generali provinciali Maurizio Attanasio (Cisl) ed Enza Meli (Uil), con Mauro Torrisi, segretario territoriale della Fit Cisl Catania, e Antonio Oranges, responsabile del settore aeroportuale della Uil Trasporti etnea – abbiamo incontrato i rappresentanti aziendali (Rsa) delle imprese del trasporto aereo operanti a Fontanarossa che ci hanno prospettato i tanti problemi e le condizioni in cui sono costretti i lavoratori“.

Sono quattro le società di handling che operano nello scale etneo: GH Catania, Aviation Services, Ata Handling e Aviapartner. La maggior parte hanno aperto procedure con ammortizzatori sociali. “E tutto questo – sottolineano Attanasio, Meli, Torrisi e Oranges – nonostante ci sia un aumento dei passeggeri nello scalo“.

Ma non solo. “Manca ancora l’applicazione della cosiddetta “clausola di sito” – denunciano Cisl, Uil, Fit Cisl e Uiltrasporti – che garantisce il passaggio dei lavoratori da un handler all’altro, col contemporaneo passaggio di compagnie da assistere, nonostante da un anno e mezzo ci sia stata la trattativa con l’Enac”.

Con Sac – concludono Attanasio, Meli, Torrisi e Oranges – stiamo già proseguendo il tavolo per trattare la limitazione delle società di hadling che, a Fontanarossa, sono più che a Fiumicino, con troppe aziende che puntano al profitto trascurando i diritti dei lavoratori.  Ora è necessario aggiungere all’ordine del giorno il tema della vigilanza sugli handler e su come dispongono complessivamente degli orari di lavoro dei dipendenti specie con ammortizzatori sociali aperti”.

L’8 maggio, intanto, la terza azione di sciopero nazionale di tutto il personale dipendente delle imprese di handling si svolgerà dalle ore 10 alle ore 18. I sindacati chiedono il riconoscimento del diritto dei lavoratori e delle lavoratrici al corretto pagamento delle maggiorazioni e alla corretta retribuzione, comprensiva dei dovuti arretrati dal mese di luglio 2017.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo