In tendenza

Catania, presi due presunti spacciatori in via Capo Passero: uno era “a lavoro” invece che ai domiciliari

I Carabinieri avevano riconosciuto i due pusher, mentre spacciavano sotto i portici di via Capo Passero, in quanto loro vecchia conoscenza

I Carabinieri del Nucleo Operativo della compagnia di Catania Fontanarossa, nella flagranza di reato, hanno arrestato due giovani catanesi di 23 e 22 anni, entrambi ritenuti responsabili di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio mentre, solo per il più giovane, anche di evasione.

Nel quadro dei vari servizi finalizzati al contrasto dello spaccio di droga, i militari avevano iniziato un’osservazione nella nota via Capo Passero che, ben presto, ha dato i suoi frutti.

I militari in particolare avevano riconosciuto i due pusher, intenti a spacciare sotto i portici di via Capo Passero, in quanto erano una loro vecchia conoscenza poiché arrestati in precedenza per lo stesso motivo.

Ma vi è di più perché il più giovane, tracolla al collo in perfetto stile “spaccio”, svolgeva la sua redditizia quanto illecita attività, senza tener conto del fatto che sarebbe dovuto stare ristretto ai domiciliari.

Immediato, così, l’intervento dei militari che, però, sono stati notati da uno dei due che ha avvertito il complice quindi, insieme, si sono rifugiati all’interno del palazzo sbarrando dall’interno il portone d’ingresso con una sbarra di ferro.

I militari sono riusciti comunque ad avere l’accesso al palazzo e hanno trovato i due sul pianerottolo del terzo piano, nonché la tracolla portata da uno dei due all’interno della quale vi era solo una dose di marijuana.

La prosecuzione dell’ispezione del luogo ha consentito ai militari di trovare 46 dosi di cocaina, 40 di marijuana, 21 di crack, 2 bilancini di precisione, nonché l’immancabile caricabatterie per la ricetrasmittente utilizzata da spacciatori e vedette per le “comunicazioni di servizio”.

I due, espletate le formalità di rito, sono stati posti agli arresti domiciliari in attesa della celebrazione del rito direttissimo.


© Riproduzione riservata - Termini e Condizioni
Stampa Articolo